Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 10:35
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Coronavirus in Italia: cosa fare se pensate di essere stati contagiati

Immagine di copertina

Coronavirus in Italia: cosa fare se pensate di essere stati contagiati

Il Coronavirus è arrivato in Italia: in Lombardia per la precisione. In provincia di Lodi infatti sono stati individuati e accertati 6 casi. Nelle ultime ore, ovviamente, in molti si sono appellati a internet per scoprire i sintomi del coronavirus e non solo. Ma cosa bisogna fare qualora pensassimo di avere il coronavirus?

I consigli del Ministero sono:

  • Indossare una mascherina se si è in contatto con altre persone
  • Chiamare il numero del Ministero 1500
  • Utilizzare fazzoletti usa e getta (da chiudere ermeticamente dopo l’uso)
  • Lavarsi le mani frequentemente.

Attenzione: non bisogna andare personalmente dal medico o al Pronto Soccorso, ma chiamare il numero: 1500. Nel caso si sospetti un contagio i medici verranno a prendere i pazienti in ambulanza in “biocontenimento”.

QUALI SONO I SINTOMI

Coronavirus in Italia: le raccomandazioni del Ministero per ridurre l’esposizione e la trasmissione del nuovo coronavirus sono per ora generali. Eccole:

  • Lavarsi spesso le mani con acqua e sapone per almeno 20 secondi o con soluzioni alcoliche.
  • Starnutire o tossire in un fazzoletto o con il gomito flesso, utilizzare una mascherina e gettare i fazzoletti utilizzati in un cestino chiuso immediatamente dopo l’uso.
  • Evitare di toccare gli occhi, il naso o la bocca con mani non lavate, evitare contatti ravvicinati con persone che sono malate o che mostri sintomi di malattie respiratorie (come tosse e starnuti).
  • Rimanere a casa se si hanno sintomi.
  • Non andare in Pronto Soccorso ma telefonare al numero 1500 (o 112).
  • Fare attenzione alle pratiche alimentari (evitare carne cruda o poco cotta, frutta o verdura non lavate e le bevande non imbottigliate).
  • Pulire e disinfettare oggetti e superfici che possono essere state contaminate.
  • Vaccinarsi contro l’influenza (per non rischiare confusione dei sintomi).
Ti potrebbe interessare
Cronaca / L’aggressione alla madre, un Tso e le segnalazioni dei vicini: chi era il killer di Ardea
Cronaca / Ardea, il killer "aveva già sparato altre volte". Ma nessuno aveva denunciato
Cronaca / Ventimiglia, uccide la ex in strada sparandole in auto. Il messaggio su Fb: “Non puoi nasconderti”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / L’aggressione alla madre, un Tso e le segnalazioni dei vicini: chi era il killer di Ardea
Cronaca / Ardea, il killer "aveva già sparato altre volte". Ma nessuno aveva denunciato
Cronaca / Ventimiglia, uccide la ex in strada sparandole in auto. Il messaggio su Fb: “Non puoi nasconderti”
Cronaca / Barillari (ex M5s) su Eriksen: “Cadono come mosche per i vaccini”. Ma il danese non è vaccinato
Cronaca / Sparatoria Ardea, la madre del killer: “Viveva isolato, non si curava”
Cronaca / Crisanti a TPI: “Tutto il Cts si deve dimettere subito, un casino apocalittico. Camilla sarebbe ancora viva”
Cronaca / In Italia 14 milioni di persone hanno ricevuto entrambe le dosi
Cronaca / Zingaretti, agli Open day ai ragazzi è stato somministrato Pfizer
Cronaca / Uccide un cucciolo di labrador a calci: passanti tentano di linciare l’aggressore
Cronaca / Ardea, la testimonianza: “L’obiettivo erano i bambini, l’uomo anziano ha provato a difenderli”