Covid ultime 24h
casi +24.099
deceduti +814
tamponi +212.714
terapie intensive -30

Coronavirus cinese, caso sospetto a Bari: i primi esami escludono il contagio

Si tratta di una donna, una cantante barese che è rientrata da un tour in Oriente che ha fatto tappa anche a Wuhan, la città focolaio del virus

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 23 Gen. 2020 alle 18:45 Aggiornato il 23 Gen. 2020 alle 21:10
1.1k
Immagine di copertina

Coronavirus cinese, caso sospetto a Bari: potrebbe essere il primo in Italia

Il coronavirus cinese continua a diffondersi anche in Europa e dopo i sospetti casi in Scozia e Francia adesso si teme anche per l’Italia. Nel tardo pomeriggio di oggi, giovedì 23 gennaio 2020, è stato segnalato infatti un caso sospetto a Bari. I primi riscontri, tuttavia, escluderebbero che si tratti del virus che finora ha ucciso 25 persone in Cina.

Secondo riferisce l’agenzia di stampa Ansa, i sanitari avrebbero individuato un’altra patologia. Le analisi sono però ancora in corso e i campioni sono stati inviati all’Istituto Spallanzani di Roma per la conferma definitiva.

La paziente in questione è una donna barese, rientrata in Italia dopo un viaggio proprio in Cina. Arrivata al pronto soccorso la donna, una cantante che nelle scorse settimane è stata impegnata in un tour in Oriente che ha fatto tappa anche nella città focolaio di Wuhan, presentava sintomi apparentemente influenzali come febbre e tosse. Gli stessi sintomi del virus 2019-nCoV, che in questi giorni sta spaventando la comunità internazionale data anche la natura patogena del coronavirus, che si trasmette da uomo a uomo.

Visto che la donna era appena rientrata dalla Cina, sono state attivate – in rispetto della circolare diramata dal ministero della Salute – tutte le procedure previste per prevenire la diffusione del virus. La paziente si trova al momento ricoverata al Policlinico di Bari, in isolamento nel reparto malattie infettive. A precisarlo, in una nota, la stessa struttura ospedaliera.

In attesa di accertare se la donna è stata davvero colpita dal coronavirus cinese, i suoi campioni biologici saranno inviati all’istituto Spallanzani di Roma per gli accertamenti, come richiesto specificatamente dal ministero.

Sono in tutto 25, fino a oggi, le vittime accertate a causa del coronavirus cinese, tutte provenienti dalla città di Wuhan. Centinaia invece i casi di contagio, anche in altri Paesi orientali (Singapore, Vietnam, Corea del Sud, Tailandia e Giappone), oltre che agli Stati Uniti e il Brasile.

Leggi anche:

Virus Cina, il virologo avverte: “Potrebbe arrivare anche in Italia”

Virus misterioso in Cina: quali sono i rischi per l’Italia

Virus Cina, Burioni: “Alzare la soglia d’attenzione: rischio per l’Italia non è minimo”

Virus Cina, sbarcano a Roma 200 passeggeri da Wuhan: è allerta, attivata profilassi

1.1k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.