Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 11:15
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Coronavirus, Ats di Bergamo pagherà 15mila euro una consulenza legale per “accertare le responsabilità”

Immagine di copertina
Medici Credits: ANSA

L’Ats ha ingaggiato un avvocato per porre quesiti sul caso Alzano, sulle Rsa e sui medici di base. Costerà 3mila euro a domanda

La provincia di Bergamo, da sola, raccoglie oltre il 30 per cento dei decessi da Coronavirus in Italia. È la provincia più colpita dalla pandemia e le famiglie delle vittime, come i comuni cittadini, si chiedono a questo punto di chi siano le responsabilità di questa tragedia sanitaria. Hanno sbagliato le direzioni sanitarie? La politica? Oppure semplicemente era tutto imprevedibile? Se lo domanda anche l’Agenzia per la tutela della Salute (Ats) di Bergamo, che si sta preparando dal punto di vista legale. L’Ats ha infatti incaricato un avvocato per rispondere giuridicamente rispetto alla gestione dell’emergenza. Il direttore sanitario Massimo Giupponi ha assegnato la consulenza ad Angelo Capelli, già consigliere regionale e segretario provinciale del Pdl, nonché relatore della riforma della sanità approvata dalla Lombardia in era Maroni. Il compenso per cinque domande? 15.758 euro. Ovvero 3.151 euro a quesito (qui la delibera dell’Ats).

La finalità della consulenza, come si legge nella delibera, è “verificare la correttezza delle azioni poste in essere dai soggetti a vario titolo coinvolti gestione dell’emergenza in ambito provinciale e la fondatezza di eventuali responsabilità, specie di natura civile e amministrativa, ipotizzabili a loro carico e a danno dell’Agenzia, nonché al fine di valutare la sussistenza delle responsabilità civili evocate da più parti in capo all’Ats di Bergamo“. Cioè, valutare se ci siano stati errori e chi li abbia commessi.

Cinque saranno i punti chiave per l’avvocato. 1. La responsabilità nella gestione dell’emergenza Covid all’ospedale di Alzano. 2. La gestione dell’emergenza in altre strutture sanitarie pubbliche e private. 3. La gestione nelle Rsa, in particolare sull’uso di mascherine e altri dpi. 4. Il ruolo dei medici di base, anche qui con un occhio sui dpi.5. La gestione all’interno dell’Ats stessa. Per ognuno di questi punti, la consulenza dovrà valutare possibili responsabilità della stessa Ats e di tutti gli altri soggetti coinvolti. Dagli ospedali, al governo centrale.

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Appena ci ha visto si è messo a piangere”: le parole del giornalista che ha ritrovato Nicola
Cronaca / Mugello, ritrovato vivo il bambino di 2 anni che era scomparso
Cronaca / Schiamazzi notturni, acqua e candeggina su alcuni giovani: 20enne finisce all'ospedale
Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Appena ci ha visto si è messo a piangere”: le parole del giornalista che ha ritrovato Nicola
Cronaca / Mugello, ritrovato vivo il bambino di 2 anni che era scomparso
Cronaca / Schiamazzi notturni, acqua e candeggina su alcuni giovani: 20enne finisce all'ospedale
Cronaca / La nota del Vaticano sul ddl Zan divide la Curia. Ma a volerla è stato Papa Francesco
Cronaca / Parroco organizza una festa in chiesa: multato per disturbo della quiete pubblica
Cronaca / Gli informatici sono i meglio pagati, male gli psicologi: le lauree per guadagnare di più
Cronaca / Rezza: “Segnalazioni variante Delta in moltissime regioni”
Cronaca / Il 30% della popolazione ha completato il ciclo vaccinale
Cronaca / Focolaio Covid al Billionaire nell’estate 2020: per la Procura è epidemia colposa
Cronaca / Mugello, bambino di 2 anni scomparso nella notte: non era più nella sua culla. Ricerche in corso