Covid ultime 24h
casi +31.084
deceduti +199
tamponi +215.085
terapie intensive +95

Crisanti: “Avevo previsto l’aumento di contagi, hanno ignorato il mio piano: ora piangiamo”

Di Marta Vigneri
Pubblicato il 8 Ott. 2020 alle 09:46 Aggiornato il 8 Ott. 2020 alle 15:45
522
Immagine di copertina

“Venticinquemila tamponi in più sono acqua fresca, o una pezza calda. Io ne suggerivo 3-400 mila al giorno”, Andrea Crisanti, microbiologo dell’Università di Padova fautore del modello “tamponi a tappeto”, è critico verso le modalità messe in atto dalle autorità sanitarie per testare i casi di Covid in Italia. Ad agosto aveva sottoposto al governo un piano per quadruplicare i tamponi, ma in un’intervista a Repubblica ha dichiarato di non averne saputo più nulla dopo che il viceministro Pierpaolo Sileri aveva consegnato il documento al Cts.

Crisanti aveva previsto che la ripresa delle scuole e delle attività produttive avrebbe generato un notevole aumento delle richieste di tamponi, e per questo suggeriva “la necessità di un investimento logistico importante” che si sarebbe potuto realizzare in 2-3 mesi, la creazione di aree mobili di supporto sul territorio e tamponi low cost da 2 euro come quelli usati a Padova. “Lo dico contro me stesso: forse ad agosto eravamo già in ritardo e ora ne paghiamo le conseguenze”, ha dichiarato al quotidiano, convinto che il Paese abbia perso “4 mesi preziosi”.

“L’aver pensato che era tutto finito perché avevamo 100 casi al giorno è stata un’illusione e nel frattempo non s’è fatto nulla. Abbiamo speso miliardi per il bonus bici e i banchi, invece di investirli per creare un sistema sanitario di sorveglianza che ci avrebbe messo in sicurezza”, ha sottolineato critico il microbiologo, secondo cui in Italia ci si è concentrati troppo sul “contact tracing“. “Con la ripartenza di scuola e lavoro, abbiamo dato più opportunità al virus di trasmettersi, sono aumentati i casi e siamo saturi di richieste di tracciamento. Il sistema italiano è chiaramente in affanno. Ma non c’è sistema sanitario in Europa in grado di reggere 4-5 mila richieste al giorno di contact tracing”, ha aggiunto Crisanti.

E sulle modalità differenti per ogni Regione di gestire il contagio, ha affermato: “C’è una disorganizzazione totale. Il piano di sorveglianza non può essere lasciato a iniziative locali perché se sbagliano, l’impatto è disastroso su tutto il Paese. I test devono essere certificati e coordinati dallo Stato. Altrimenti aggiungiamo altro Far West alla babele di norme”. Nell’intervista a Repubblica Crisanti ha anche ricordato che “i soldi del Mes sono disponibili ora” e che è necessario usarli per investire in sanità perché “non si può scaricare tutto sulle spalle degli italiani” con l’inasprimento delle regole che si rivelerà sempre più duro.

Leggi anche: 1. Coronavirus, Andrea Crisanti: “Ecco il mio piano per aumentare a 400mila il numero di tamponi in Italia. / 2. Non è vero che la mascherina è sempre obbligatoria: cosa cambia davvero rispetto a prima / 3. Conte: “Serve più rigore, mascherine anche in casa se riceviamo ospiti”

4. Calcio e Covid, Calcagno (presidente Aic) a TPI: “Non passi il messaggio che il protocollo è immutabile”  / 5. Covid, boom di contagi e ospedali in affanno: la Campania sotto assedio. Cosa sta succedendo / 6. Ricciardi a TPI: “In Campania siamo sul filo del rasoio, paura per saturazione posti letto”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

522
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.