Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:48
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Ricciardi a TPI: “In Campania siamo sul filo del rasoio, paura per saturazione posti letto”

Immagine di copertina
Credit: Emanuele Fucecchi

Intervista al rappresentante italiano all'Oms: "Le Asl sono sotto pressione, a spaventare è la saturazione dei posti letto. C'è bisogno di attrezzare reparti per pazienti infettivi. Ma c'è anche un problema di tracciamento: in pochi qui hanno scaricato Immuni, si rischia che l’epidemia si diffonda in modo difficile da controllare. E non è ancora arrivata l’influenza"

“La situazione in Campania è preoccupante e deve essere affrontata con grande decisione. Siamo su una lama di un rasoio: sospesi tra riabbassare questa curva epidemica o avere problemi di pressione importante sul sistema sanitario”. Lo spiega a TPI Walter Ricciardi, super-consulente del Ministero della Salute e rappresentante italiano al Consiglio dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms). Ricciardi, napoletano, fa il punto sulla situazione in Campania, dove i contagi da settimane sono in aumento (quelli accertati oggi, mercoledì 7 ottobre, sono stati 544) e le strutture sanitarie iniziano ad andare in affanno.
Professore, negli ospedali campani iniziano a scarseggiare i posti Covid, dobbiamo preoccuparci?
Il sistema sanitario campano ha retto fino a questo momento, ma, se non si tiene sotto controllo, la curva epidemica può creare problemi di saturazione. A me non preoccupano tanto i posti in terapia intensiva, perché oggi sappiamo curare meglio il Covid e lo sappiamo diagnosticare prima. Ciò che spaventa è la saturazione dei posti letto in generale: sono pazienti che vanno gestiti con una serie di cautele (Leggi anche: All’ospedale Cotugno di Napoli esauriti i posti Covid, il direttore a TPI: “Più preoccupato ora che a marzo”).

Come dovrebbe agire la Regione?
C’è bisogno di attrezzare dei reparti per pazienti infettivi e di non farli incrociare con pazienti non infettivi. Il problema è la pressione sulla diagnostica e sulle terapie sub-intensive.
La Campania aveva gestito bene la prima ondata, ora sembra in affanno. Cosa è successo secondo lei?
Questo è un virus che non ha confini. Probabilmente la Campania, con il Lazio e la Sardegna, sono state le regioni più interessate da una mobilità di ragazzi tornati dalle vacanze che hanno cominciato a contagiare le loro famiglie. E chiaramente, a cascata, si è messo in moto un meccanismo di contagio. Va anche detto che la Campania, così come il Lazio e la Sardegna, è una regione debilitata da anni di tagli e carenze di organico, quindi è molto più in affanno rispetto alle regioni del Nord, che questi tagli non li hanno avuti.

E ora che succede?
Le Asl campane sono sotto pressione, la Campania è una delle regioni che ha scaricato meno l’app Immuni, si sta sotto il 10%. Si corre il rischio di perdere il tracciamento dei focolai e che l’epidemia si diffonda in modo difficile da controllare. E non è ancora arrivata l’influenza: quando accadrà, si sommerà questa situazione del Covid all’influenza e anche delle altre sindromi, come le sindromi para-influenzali, e sarà critica.

Leggi anche: Covid, boom di contagi e ospedali in affanno: la Campania sotto assedio. Cosa sta succedendo

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO
CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI
Ti potrebbe interessare
Cronaca / La lettera del geologo a Jovanotti: “Nessuno ti critica per invidia, ti spiego perché il tuo evento danneggia l’ambiente”
Cronaca / Roma, studentessa norvegese presa a calci a Campo de’ Fiori da un coetaneo: “Ho rifiutato di fare sesso con lui”
Cronaca / Sgabri, multa di 500 euro per aver usato il lampeggiante in Svizzera: “Qui non ci torno”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / La lettera del geologo a Jovanotti: “Nessuno ti critica per invidia, ti spiego perché il tuo evento danneggia l’ambiente”
Cronaca / Roma, studentessa norvegese presa a calci a Campo de’ Fiori da un coetaneo: “Ho rifiutato di fare sesso con lui”
Cronaca / Sgabri, multa di 500 euro per aver usato il lampeggiante in Svizzera: “Qui non ci torno”
Cronaca / Caldo, Ministero della Salute: dall’1 al 15 luglio mortalità aumentata del 21%
Cronaca / Napoli, albero in fiamme durante un compleanno. Invitati ridono e brindano | VIDEO
Cronaca / Rimini, mega truffa in hotel: 500 prenotazioni per 40 posti e caparre sparite
Cronaca / Milano, bambino di 11 anni viene travolto e ucciso da pirata della strada che si è costituito nella notte
Cronaca / Venezia, tenta di uccidere la moglie con una balestra e poi si suicida
Cronaca / Maxitruffa a Rimini: 500 persone versano la caparra per una stanza d’albergo che non c’è
Cronaca / Rovigo, fa il bagno a mezzanotte e scompare. Lo ritrovano vivo dopo nove ore