Covid ultime 24h
casi +15.204
deceduti +467
tamponi +293.770
terapie intensive -20

Coronavirus, Airbnb mette a disposizione case gratis per i medici e infermieri in trasferta 

Di Cristina Migliaccio
Pubblicato il 18 Mar. 2020 alle 12:48
773
Immagine di copertina

Coronavirus, Airbnb mette a disposizione case gratis per i medici in trasferta

Anche Airbnb vuole dare il suo contributo durante l’emergenza Coronavirus. La celebre piattaforma che mette a disposizione case in affitto lancia una generosa iniziativa a favore del personale sanitario costretto a spostarsi per aiutare gli ammalati di Covid-19. In vista delle migliaia di neoassunzioni previste dall’emergenza sanitaria, saranno tantissimi tra medici e infermieri a doversi spostare di città in città e Airbnb ha deciso di mettere in contatto in modo semplice e diretto tutti quegli host che hanno espresso la volontà di mettere a disposizione case e appartamenti senza compenso. Il personale ospedaliero potrà scegliere in pochi minuti l’alloggio più idoneo alle proprie esigenze: i costi dell’operazione saranno a carico dell’azienda, così come la copertura delle spese agli host.

Airbnb, porte aperte a medici e infermieri

“Condividiamo con i nostri host la volontà di dare un contributo per combattere questa sfida. È un desiderio che ci è stato espresso dai proprietari dei singoli appartamenti e dai piccoli imprenditori dell’ospitalità, disponibili a offrire senza compenso i propri alloggi nonostante stiano vivendo un momento di grande difficoltà”, ha dichiarato il Country Manager di Airbnb Italia, Giacomo Trovato. Le richieste potranno essere effettuate dai singoli operatori sanitari e anche dalle strutture ospedaliere. Airbnb, in collaborazione con l’associazione OspitaMI, entrerà in contatto direttamente con medici e infermieri che compileranno la richiesta dell’alloggio online.

Porte aperte a medici e infermieri per due mesi: basterà accedere al sito Airbnb e compilare online il modulo con i dati personali, la città dove si presterà servizio e la durata del soggiorno. Sarà poi l’associazione OspitaMI a contattare gli utenti e guidarli nel processo di prenotazione a costo zero. Sul sito, è disponibile anche una sezione dedicata agli host che hanno intenzione di mettere a disposizione gratis la propria casa.

Leggi anche:

1. Coronavirus, Papa Francesco: “Ho chiesto a Dio di fermare l’epidemia”. Poi l’inaspettato elogio a Fabio Fazio: “Ha ragione” / 2. Coronavirus, lo studio: “L’inquinamento atmosferico può agevolare la diffusione del virus”

773
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.