Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:57
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Dal 26 aprile cene all’aperto. Ma solo il 54% dei ristoranti ha i tavolini fuori

Immagine di copertina
Credit: ansa foto

Con il nuovo decreto Covid nelle regioni in zona gialla dal lunedì 26 aprile si potrà tornare a effettuare il servizio al tavolo a pranzo e a cena, ma solo se i ristoranti dispongono di spazi all’aperto. “Questo significa prolungare il lockdown per oltre 116mila pubblici esercizi – dice Lino Stoppani, presidente della Fipe, la Federazione italiana dei pubblici esercizi. “Il 46,6% dei bar e dei ristoranti italiani non è dotato di spazi all’aperto, e questa percentuale si impenna se pensiamo ai centri storici delle città dove sono in vigore regole molto stringenti”.

Se da un lato le scelte prese dall’amministrazione consentono agli esercizi di ampliare lo spazio esterno fino al 50% corrispondente agli spazi interni, dall’altro si evidenzia il malcontento delle attività sprovviste di marciapiedi o altre aree per la consumazione esterna. Penalizzati quindi ancora una volta i ristoratori, che fanno appello alla sindaca per ottenere l’utilizzo di ulteriori zone come le strisce blu.

Per la Fipe queste prime riaperture rappresentano un segnale di speranza per gli imprenditori, ma non bastano: “Ci saremmo aspettati più coraggio da parte del governo”, continua Stoppani. “Questa distinzione sugli spazi all’aperto è discriminatoria: chi non li ha rischia di rimanere fermo per un altro mese. E nel frattempo la concorrenza viene modificata dal contesto: un locale con 20 tavolini fuori può lavorare bene, mentre nella via a fianco chi non li può mettere per problemi di spazio deve stare a guardare”.

Pedane su strada, utilizzo degli spazi dei parcheggi a pagamento e la pedonalizzazione di alcune strade permetterebbe a detta dei ristoratori, di estendere la possibilità di apertura anche a quei ristoratori che rischierebbero altrimenti di rimanere esclusi, ancora una volta, dovendo posticipare la riapertura. “Siamo a 128 giorni di restrizione dal 25 ottobre 2020 a oggi. Più del primo lockdown, che durò 68 giorni. Il comparto dell’ospitalità a tavola non può continuare a pagare colpe non sue. – afferma a RomaToday il presidente Movimento Imprese Ospitalità. Tra l’altro, i cittadini e gli imprenditori subiscono ancora il coprifuoco, una misura che non può essere portata, come sta avvenendo all’eccesso, né può rappresentare la normalità in un Paese democratico”.

A Milano da pochi mesi è in vigore un nuovo regolamento che consente ai gestori di questi locali di occupare suolo pubblico anche se non adiacente all’esercizio commerciale e fino a una distanza di 30 metri. A Bergamo il sindaco Giorgio Gori ha firmato un’ordinanza per agevolare l’ampliamento dei dehor esistenti e ha prorogato i circa 200 realizzati nel 2020. In attesa di una decisione del governo il comune di Firenze ha già esteso la gratuità per sedie tavoli e dehor per tutto il 2021.

Leggi anche: 1. Il Consiglio dei ministri approva il decreto per le riaperture, ecco cosa prevede; // 2. Scontro nel governo sul coprifuoco, la Lega non vota il decreto riaperture: “Restrizioni illogiche”. Il Pd: “Da Salvini mancanza di serietà”; // 3. Estate 2021: in spiaggia con le regole Covid del 2020. Ecco cosa prevedono

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Scudetto Inter, in 3.000 per la festa al San Siro: rispettato uso mascherina | VIDEO
Cronaca / Covid, 10.176 casi e 224 morti nell'ultimo giorno
Cronaca / Milano, in migliaia in piazza per sostenere il Ddl Zan: “Una legge di civiltà”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Scudetto Inter, in 3.000 per la festa al San Siro: rispettato uso mascherina | VIDEO
Cronaca / Covid, 10.176 casi e 224 morti nell'ultimo giorno
Cronaca / Milano, in migliaia in piazza per sostenere il Ddl Zan: “Una legge di civiltà”
Cronaca / “Almeno 100 colpi” sparati dalla Guardia costiera libica al peschereccio italiano
Cronaca / Ennesima tragedia sul lavoro: operaio muore cadendo da un ponteggio di 4 metri
Cronaca / Roma, barista trovato impiccato nel suo locale: "Era depresso per la crisi economica"
Cronaca / “Mi disse che l’avevano stuprata”: caso Ciro Grillo, il racconto del maestro di kitesurf
Cronaca / Vaccini, l'appello di Papa Francesco: "Sospendere i brevetti, siano di tutti"
Cronaca / "Undici frammenti": esce il podcast sul caso Marta Russo
Cronaca / Razzo cinese in caduta domenica, 9 regioni italiane in allerta: “Evitare di stare all’aperto”