Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 01:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Casal Bruciato, la famiglia rom: “Noi da qua non ci muoviamo”

Immagine di copertina

Casal Bruciato famiglia rom | “Noi da qui non ce ne andiamo”. Questa l’ultima dichiarazione della famiglia Omerovic, composta dai 14 rom attaccati e minacciati a Casal Bruciato, periferia est della Capitale, da lunedì 6 maggio semplicemente per essere entrati nella casa popolare di via Satta che spettava loro di diritto.

“Qui non possiamo vivere”, avevano commentato il padre Imer e la madre Senada fin dalle prime proteste in strada (qui la ricostruzione di tutte le proteste a Casal Bruciato). Ma la notizia è stata poi smentita.

Certo, l’accoglienza per la famiglia non è stata calorosa: per gli insulti come “Tr**a, ti stupro!” e “Dovreste essere tutti impiccati!” sono arrivate le prime denunce per odio razziale (qui gli aggiornamenti sulle prime denunce arrivate).

Come ha detto anche la sindaca di Roma, Virginia Raggi, in visita a Casal Bruciato mercoledì 8 maggio, “l’alloggio popolare spetta alla famiglia di diritto, avendo partecipato ad una regolare graduatoria comunale”.

La famiglia nomade è al centro di un dibattito sull’integrazione della minoranza rom che è diventato ormai nazionale.

L’iniziativa della sindaca della Capitale di andare sul luogo delle proteste a Casal Bruciato è stata infatti accolta con irritazione dai vertici del Movimento Cinque Stelle. Luigi Di Maio, secondo fonti vicine al movimento, avrebbe detto: “Si aiutino prima i romani e poi tutti gli altri”.

A schierarsi a favore dei rom di Casal Bruciato, sono stati invece Papa Francesco e il presidente del Consiglio Giuseppe Conte (qui il racconto dei 500 rom ricevuti in Vaticano dal Pontefice).

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Donnexstrada e il supporto legale contro la violenza di genere e la vittimizzazione secondaria
Cronaca / Saman Abbas, il padre è ancora in Pachistan: un altro rinvio per discutere sulla sua estradizione
Cronaca / “Sapeva che il paziente era Matteo Messina Denaro”: arrestato Alfonso Tumbarello, medico del boss
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Donnexstrada e il supporto legale contro la violenza di genere e la vittimizzazione secondaria
Cronaca / Saman Abbas, il padre è ancora in Pachistan: un altro rinvio per discutere sulla sua estradizione
Cronaca / “Sapeva che il paziente era Matteo Messina Denaro”: arrestato Alfonso Tumbarello, medico del boss
Cronaca / Milano, un altro stupro di gruppo: la vittima è una studentessa di 20 anni
Cronaca / Angelo Zen, l’italiano disperso in Turchia dopo il terremoto: “Nessun contatto con lui da domenica”
Cronaca / Stresa, padre non accetta la relazione della figlia, la sequestra in casa e la lascia senza cibo: arrestato
Cronaca / Si finge cartomante su TikTok, chiede video hot a una cliente e poi la minaccia per soldi: denunciato
Cronaca / Tokyo, è morto il giornalista Pio d’Emilia, storico corrispondente dall’Asia
Cronaca / Caso Delmastro-Donzelli, la procura indaga contro ignoti per rivelazioni e utilizzo di segreto d’ufficio
Cronaca / Ischia, prende il traghetto per andare in ospedale a partorire ma la bimba nasce nel mezzo della traversata