Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:13
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Casal Bruciato, arrivano le prime denunce. Sotto accusa la frase “ti stupro”

Immagine di copertina

Casal Bruciato denunce | È stato identificato chi ha insultato con frasi razziste la famiglia rom, al centro delle polemiche a Casal Bruciato, periferia est di Roma (qui cosa sappiamo finora sugli scontri a Casal Bruciato).

Ci sono quindi i primi denunciati per le proteste avvenute a partire dal 6 maggio a Casal Bruciato, contro l’assegnazione di una casa popolare ai nomadi.

Tra le denunce, ci sarebbe anche chi ha urlato la frase “Tr**a, ti stupro!”, al passaggio di Senada, la mamma rom con la bambina.

Inoltre, sono state identificate anche le persone che hanno inveito con frasi razziste contro la famiglia.

La tensione è molto alta nel quartiere. Mercoledì 8 maggio ci sono stati degli scontri durante il corteo antifascista in difesa dei rom, quando un militante di CasaPound ha oltrepassato il cordone della Polizia e si è spinta dalla parte della fazione opposta della manifestazione (qui il racconto e i video del corteo antifascista).

La questione è diventata un problema nazionale dopo la contestatissima visita della sindaca di Roma Virginia Raggi (qui il video della Raggi assediata). Il vicepremier pentastellato Di Maio si è dichiarato contrario alla scelta della Raggi di recarsi sul luogo.

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha approfittato del particolare momento per ribadire la linea della Lega: “Prima gli italiani”.

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, si è schierato invece dalla parte della famiglia di origini bosniache: “Hanno avuto la casa attraverso una graduatoria, è un loro diritto stare lì”, ha detto il premier.

Tutto è iniziato lunedì 6 maggio 2019, quando l’assegnazione della casa popolare alla famiglia di nomadi ha fatto scoppiare delle proteste in strada.

La famiglia in questione proviene dal campo nomade La Barbuta ed è composta da 14 persone: il padre Imer di 40 anni, la madre Senada e 12 figli.

> “Abbiamo paura”: l’intervista di TPI alla famiglia rom a Casal Bruciato

> La sindaca di Roma Virginia Raggi contestata a Casal Bruciato

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Fiorella Mannoia: “Contenta di essermi vaccinata? No, ma l’ho fatto per etica”
Cronaca / Il Codacons chiede la radiazione di Burioni dall’ordine dei Medici: “Affermazioni disgustose sui contrari al vaccino”
Cronaca / 7 morti e 4.743 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività sale al 2,7%
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Fiorella Mannoia: “Contenta di essermi vaccinata? No, ma l’ho fatto per etica”
Cronaca / Il Codacons chiede la radiazione di Burioni dall’ordine dei Medici: “Affermazioni disgustose sui contrari al vaccino”
Cronaca / 7 morti e 4.743 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività sale al 2,7%
Cronaca / David Beckham interrogato dalla Guardia di Finanza ad Amalfi: i figli piccoli giravano su una moto d’acqua
Cronaca / La ragazza che ha ricevuto per sbaglio 6 dosi di vaccino: "Non mi danno il Green Pass"
Cronaca / Taranto, ragazza disabile abusata per due anni su un autobus: otto autisti indagati
Cronaca / Green Pass, obbligo in arrivo anche per i trasporti: le ipotesi
Cronaca / In Svizzera arriva la lotteria del vaccino: l’idea di un imprenditore di Zurigo
Cronaca / Siena: minorenne senza patente sbaglia a ingranare la marcia e travolge l’amica 16enne, che muore
Cronaca / Fauci: "La nuova ondata di contagi è tra i non vaccinati"