Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:06
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Casal Bruciato, arrivano le prime denunce. Sotto accusa la frase “ti stupro”

Immagine di copertina

Casal Bruciato denunce | È stato identificato chi ha insultato con frasi razziste la famiglia rom, al centro delle polemiche a Casal Bruciato, periferia est di Roma (qui cosa sappiamo finora sugli scontri a Casal Bruciato).

Ci sono quindi i primi denunciati per le proteste avvenute a partire dal 6 maggio a Casal Bruciato, contro l’assegnazione di una casa popolare ai nomadi.

Tra le denunce, ci sarebbe anche chi ha urlato la frase “Tr**a, ti stupro!”, al passaggio di Senada, la mamma rom con la bambina.

Inoltre, sono state identificate anche le persone che hanno inveito con frasi razziste contro la famiglia.

La tensione è molto alta nel quartiere. Mercoledì 8 maggio ci sono stati degli scontri durante il corteo antifascista in difesa dei rom, quando un militante di CasaPound ha oltrepassato il cordone della Polizia e si è spinta dalla parte della fazione opposta della manifestazione (qui il racconto e i video del corteo antifascista).

La questione è diventata un problema nazionale dopo la contestatissima visita della sindaca di Roma Virginia Raggi (qui il video della Raggi assediata). Il vicepremier pentastellato Di Maio si è dichiarato contrario alla scelta della Raggi di recarsi sul luogo.

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha approfittato del particolare momento per ribadire la linea della Lega: “Prima gli italiani”.

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, si è schierato invece dalla parte della famiglia di origini bosniache: “Hanno avuto la casa attraverso una graduatoria, è un loro diritto stare lì”, ha detto il premier.

Tutto è iniziato lunedì 6 maggio 2019, quando l’assegnazione della casa popolare alla famiglia di nomadi ha fatto scoppiare delle proteste in strada.

La famiglia in questione proviene dal campo nomade La Barbuta ed è composta da 14 persone: il padre Imer di 40 anni, la madre Senada e 12 figli.

> “Abbiamo paura”: l’intervista di TPI alla famiglia rom a Casal Bruciato

> La sindaca di Roma Virginia Raggi contestata a Casal Bruciato

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Licata, uccide 4 familiari e poi si uccide in strada: morti ragazzi di 11 e 15 anni
Cronaca / “Mi si stringe il cuore al pensiero di mio figlio che pulisce il giacchetto dagli sputi”: parla il padre del bambino insultato perché ebreo
Cronaca / Papa Francesco: “I genitori non condannino i figli gay”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Licata, uccide 4 familiari e poi si uccide in strada: morti ragazzi di 11 e 15 anni
Cronaca / “Mi si stringe il cuore al pensiero di mio figlio che pulisce il giacchetto dagli sputi”: parla il padre del bambino insultato perché ebreo
Cronaca / Papa Francesco: “I genitori non condannino i figli gay”
Cronaca / Cagliari, 30enne disoccupato cerca di farsi vaccinare al posto di un no vax in cambio di una cena
Cronaca / Sileri al no vax: “Vi renderemo la vita impossibile”. Bufera social sul sottosegretario | VIDEO
Cronaca / Napoli, vuole il gelato ma non ha il green pass: anziano estrae pistola e la punta contro il vigilante
Cronaca / Scuola, le Regioni chiedono al governo di mandare in classe i positivi asintomatici
Cronaca / Covid, oggi 186.740 casi e 468 morti: mai così tanti dal 14 aprile 2021
Cronaca / I Savoia rivogliono i gioielli della corona custoditi dalla Banca d’Italia: “Appartengono a noi”
Cronaca / Milano, violenze in piazza Duomo: tre indagati. Dicevano: “Quella dalla a me”