Covid ultime 24h
casi +24.099
deceduti +814
tamponi +212.714
terapie intensive -30

Carmagnola, bimbo abbandonato in strada: boom di richieste di adozione

Anche i nonni stanno cercando di avere indietro il nipote

Di Rossella Melchionna
Pubblicato il 5 Feb. 2019 alle 13:03 Aggiornato il 5 Feb. 2019 alle 13:06
0
Immagine di copertina

Continua a commuovere la storia del bambino, di circa dieci anni, trovato lungo una strada di Carmagnola nel febbraio 2019 e abbandonato dalla mamma. In attesa di far chiarezza sulla vicenda, gli investigatori hanno ascoltato i nonni del bimbo, pronti a riaccoglierlo nella loro cascina. “Con noi stava bene, aveva anche iniziato ad andare a scuola”, ha raccontato la coppia che si è trasferita nella nuova casa da poco. Intanto molti cittadini hanno chiesto di adottare il piccolo.

Gli aggiornamenti sulla vicenda

I nonni hanno spiegato di non avere più rapporti con la madre del nipotino (la donna, a sua volta, non vuole in alcun modo avere contatti col figlio). Anche se, prima di Natale, si era presentata da loro prendendo con sé il minorenne. “Voleva che trascorresse con lei le vacanze, ma poi non ce lo ha più riportato”, ha aggiunto la coppia.

In attesa che il Tribunale dei minori si pronunci sul caso – la donna è stata denunciata per abbandono di minore, il padre è irreperibile – il bambino dovrebbe iniziare “di nuovo” la scuola, almeno secondo le intenzioni dei servizi sociali. Infatti ci sono dubbi sulla questione se l’abbia mai frequentata o meno – il bimbo ha ancora delle grosse difficoltà – ma le suore che si stanno prendendo cura di lui gli hanno insegnato l’alfabeto e i numeri.

Nel frattempo la cittadinanza di Carmagnola sta offrendo il proprio sostegno in tutti i modi al bambino. In tanti hanno avanzato richieste di adozione.

Cos’era successo

“La mamma non mi vuole più, mi ha abbandonato”. Queste le prime parole del bambino trovato in mezzo a una strada in Piemonte. Il piccolo, completamente solo e con addosso dei vestiti leggeri, è stato soccorso dagli uomini della polizia municipale che lo hanno portato in un posto sicuro.

Il minorenne, con lucidità e sofferenza, ha raccontato la sua storia. E uno dei primi fatti che ha rivelato è che non è mai stato a scuola. Inoltre non ci sono documenti su di lui, a parte l’atto di nascita rilasciato da un comune del casertano. Vive con i nonni perché, ha spiegato il ragazzino, “la mamma ora sta con un altro uomo”. E il motivo che lo ha portato a camminare sul ciglio della strada, col rischio di essere investito, è stato un solo: “Sono venuto qui per cercare i miei parenti”.

La madre, quasi 40enne e di origini bosniache, vive in un campo nomadi di Chieri, sempre in Piemonte. La donna non ha alcuna intenzione di prendere con sé il bambino. Il padre, invece, vive ancora in Campania. Ma gli agenti non sono riusciti a contattarlo.

Il piccolo, quindi, è stato affidato a una comunità sotto la guida dei servizi sociali di Torino e a loro volta coordinati dal Tribunale dei minori. “Tutta la comunità di Carmagnola si è stretta intorno a questo piccolo e si sta dando da fare per fargli avere quel che gli serve. So che anche la Caritas si è attivata. A quanto ci dicono ora è sereno e chiama casa il posto dove è stato accolto. Questo è un buon segno”, ha sostenuto la sindaca della città, Ivana Gaveglio.

LEGGI ANCHE: Un bambino sopravvive due giorni al freddo nel bosco: “Mi ha salvato un orso”, soccorritori scettici ma non lo escludono

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.