Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:32
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

I carabinieri spacciavano cocaina: due militari condannati a 4 anni di carcere

Immagine di copertina

La pena esemplare per due militari dell'Arma, raddoppiata rispetto alla richiesta del pm

Due carabinieri condannati per spaccio di cocaina

Carabinieri che si trasformano in spacciatori di droga nascondendosi dietro la divisa. Sembra uno scenario da film, ma purtroppo non si tratta della trama di una produzione cinematografica ma di quanto realmente accaduto a Roma. Ieri, 21 maggio, due militari dell’Arma di 43 e 44 anni sono stati condannati a 4 anni di carcere con l’accusa di aver spacciato cocaina.

La storia viene raccontata oggi dalle pagine de Il Messaggero. Il pm aveva chiesto per i due carabinieri una condanna a 2 anni ma la giudice Emilia Conforti ha deciso di infliggere una pena esemplare raddoppiando la pena chiesta dall’accusa.

I fatti risalgono a ben 9 anni fa. Era infatti il novembre 2011 quando i militari, assegnati all’ottavo reggimento del Lazio di stanza a Tor di Quinto, venivano intercettati dalla procura di Avezzano (L’Aquila) nell’ambito di un’inchiesta denominata ‘micette’ (il nome in codice con cui gli indagati parlando al telefono indicavano le dosi di cocaina). Gli investigatori scoprirono che tra i contatti del gruppo di pusher abruzzesi su cui indagavano c’era anche la coppia di carabinieri. Dopo essere seguiti da alcuni colleghi, i militari furono beccati in flagranza a cedere tre dosi di cocaina per la cifra di 180 euro.

Nella loro attività illecita i due militari si facevano notare per la loro spavalderia, trasportando e cedendo la droga con disinvoltura, senza prendere particolari precauzioni, evidentemente rassicurati da una presunta impunità garantita dalla divisa indossata. Ma il ruolo di carabiniere non basta, e non è bastato, per farla franca.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Auto fuori strada in Umbria, quattro giovani morti
Cronaca / Il tribunale di Roma: “Gli immobili dei tedeschi vanno pignorati per risarcire le vittime del nazismo”
Cronaca / Maria Giovanna Maglie ricoverata: “Sono in ospedale da due mesi, fatemi gli auguri”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Auto fuori strada in Umbria, quattro giovani morti
Cronaca / Il tribunale di Roma: “Gli immobili dei tedeschi vanno pignorati per risarcire le vittime del nazismo”
Cronaca / Maria Giovanna Maglie ricoverata: “Sono in ospedale da due mesi, fatemi gli auguri”
Cronaca / Napoli, 13enne disabile picchiata da un gruppo di coetanei per un like a un ragazzo
Cronaca / Individuato il camionista che ha investito Davide Rebellin
Cronaca / “I pediatri hanno troppi pazienti”: coppia non riesce a far visitare il figlio di 20 mesi con la febbre alta per una settimana
Cronaca / “Il lockdown lo ha cambiato”: le ombre sulla morte di Riccardo Faggin prima della sua (finta) laurea
Cronaca / Trento, lei vuole lasciarlo e lui tenta di strangolarla: arrestato un 40enne
Cronaca / Covid, la Corte costituzionale salva l’obbligo vaccinale: ricorsi inammissibili e non fondati
Cronaca / Costringono la sorella 15enne a prostituirsi per sfamare la famiglia in Romania: condannate