Covid ultime 24h
casi +18.916
deceduti +280
tamponi +323.047
terapie intensive +22

Valanga al Sestriere: morto l’alpinista “Cala” Cimenti insieme a un amico

Di Enrico Mingori
Pubblicato il 8 Feb. 2021 alle 22:02 Aggiornato il 8 Feb. 2021 alle 22:24
173
Immagine di copertina
Carlo Alberto Cimenti, detto "Cala", avrebbe compiuto 46 anni il 14 febbraio. Credit: Facebook

Due scialpinisti italiani sono morti, travolti da una valanga durante un’escursione nella zona di Cima del Bosco, vicino al Sestriere, in provincia di Torino. La tragedia è avvenuta nel pomeriggio di oggi, lunedì 8 febbraio 2021.

Una delle due vittime è Carlo Alberto Cimenti, detto “Cala”, famoso scialpinista che aveva scalato più volte le vette più importanti dell’Himalaya e che nel 2019 aveva conquistato la cima del Nanga Parbat, in Pakistan, la nona vetta più alta del mondo e una delle più pericolose da scalare.

Cimenti, torinese, avrebbe compiuto 46 anni fra sei giorni. Abitava poco distante dal luogo in cui è morto. L’altra vittima della valanga è Patrick Negro, 50 anni, ex volontario del Soccorso alpino.

I tecnici del Soccorso alpino e speleologico piemontese sono stati allertati nel pomeriggio di oggi dai carabinieri di Sestriere per il mancato rientro dei due scialpinisti. Dalle ricognizioni è emerso un distacco di neve causato da una valanga nella zona della Cima del Bosco, al confine tra i comuni di Cesana e Sauze di Cesana.

Leggi anche: 1. Cantante uccisa dal marito a Palermo. L’ultimo post su Fb: “Vuoi dei fiori a San Valentino? Muori il 13” / 2. “Gridavo e lui rideva. Godeva nel vedermi piangere”: il racconto shock di due ragazze violentate da Genovese | VIDEO

173
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.