Covid ultime 24h
casi +20.709
deceduti +684
tamponi +207.143
terapie intensive -47

Bolzano, un’adolescente è stata pestata a scuola dalle sue compagne

L'episodio è stato denunciato dal padre che lo ha definito "un atto di violenza gratuito e non una lite"

Di Rossella Melchionna
Pubblicato il 13 Feb. 2019 alle 14:17 Aggiornato il 13 Feb. 2019 alle 14:22
0
Immagine di copertina

Due adolescenti, di circa 15 anni, si sono picchiate in un liceo di Bolzano. Un litigio funesto dietro al quale si potrebbe nascondere un vero e proprio episodio di bullismo. La vicenda risale al gennaio 2019, ma è emerso solo pochi giorni fa come ha riportato il Corriere della sera.

Tutto è partito da un diverbio tra le due ragazze, compagne di scuola, le quali si sono poi colpite con violenza. Difatti è stato scagliato, da una delle due, un oggetto contundente sull’occhio dell’altra. Subito sono intervenuti gli insegnanti e gli alunni che hanno provato a fermare le minorenni. Le autorità hanno avviato le indagini, mentre la ragazza ferita, trasportata all’ospedale San Maurizio, è fuori pericolo dopo il trauma subito: il bulbo oculare non è stato danneggiato.

Una delle ipotesi circolanti, comunque, è che si tratti di una guerra tra bande femminili.

La denuncia del padre della vittima

“La ragazza selvaggiamente pestata a scuola è mia figlia. Quella non è stata una lite come riportata dai media locali: è stato un atto di violenza gratuito eseguito da un’adolescente marocchina, sostenuta da un gruppo di una decina di connazionali coetanee”. È questa la denuncia del padre della vittima pubblicata sui social e corredata da un’immagine dell’adolescente ferita all’occhio.

“Il fatto è accaduto in classe, sotto gli occhi di tutti i compagni. Insultata e derisa al distributore delle bevande dal gruppetto di ragazze straniere, mia figlia è stata poi raggiunta in classe dove è stata insultata, presa per i capelli, scaraventata a terra e violentemente presa a calci in faccia, in particolare all’occhio destro. Tutto gratis e senza apparenti motivi”, ha continuato l’uomo.

Il papà ha anche detto: “L’aggressore è un soggetto molto conosciuto sia alle precedenti scuole sia alle forze dell’ordine, con una storia di aggressioni dall’epoca delle elementari”.

“La domanda sorge spontanea: l’attuale scuola perché non sapeva? Perché un soggetto del genere girava liberamente senza essere sorvegliato? Nessuna polemica, ma prometto grande battaglia, per mia figlia, ma anche per voi ragazzi e genitori che purtroppo non potete ritenervi indenni da quello che domani potrebbe succedere, poiché qualcuno ai quali siete affidati non ha guardato oltre”, ha concluso con fermezza l’uomo in questione.

LEGGI ANCHE: L’inferno di Flavia: “Tornavo a casa con i lividi. Io vittima di bullismo, adesso parlo ai giovani”

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.