Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:45
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Bari, 34enne partorisce con un infarto in corso: mamma e figlia stanno bene

Immagine di copertina

Bari, partorisce la figlia con un infarto in corso al Policlinico

Una donna incinta di 34 anni con un infarto in corso ha percorso 40 chilometri per raggiungere da Monopoli il Policlinico di Bari per partorire. Grazia è riuscita ad arrivare in ospedale dove, con un parto cesareo, ha messo al mondo la figlia, Elisabetta.

I medici hanno deciso di trattare l’ostruzione coronarica della donna solo dopo la nascita della bambina. Ora mamma e figlia stanno bene e sono tornate a casa. “Adesso stiamo entrambe bene”, racconta la donna. “In quel momento – ricorda Grazia – temevo più per mia figlia che per la mia vita: poi, quando l’ho sentita piangere, l’emozione che ho provato è stata indescrivibile e ho cominciato a piangere anch’io”. La primogenita di due anni e mezzo, “è stata felicissima quando mi ha rivisto dopo dieci giorni”, aggiunge Grazia, e “finalmente ha potuto riabbracciare me e vedere per la prima volta sua sorella“.

La procedura standard, spiega il direttore di Cardiologia ospedaliera del Policlinico, Carlo D’Agostino, “avrebbe richiesto l’esecuzione di una immediata angioplastica coronarica con il posizionamento di stent e l’utilizzo di alte dosi di farmaci antiaggreganti piastrinici. Ma per la signora, con una gravidanza quasi a termine, una terapia antiaggregante spinta avrebbe costituito un grave rischio di emorragia nel corso del parto”.

La donna aveva una ostruzione di una delle arterie coronarie, dovuto a dissezione della parete. “Viste le condizioni cliniche – prosegue il medico – si è deciso che la condizione a minor rischio fosse far partorire la signora mantenendo la massima protezione cardiologica, con la possibilità di intervenire immediatamente in caso di destabilizzazione”. “Non hanno subito alcuna conseguenza – assicura il direttore di Cardiologia D’Agostino – possiamo dirlo con certezza dopo gli ultimi controlli”.

Leggi anche: Partorisce a 57 anni dopo aver perso per tumore la figlia di 13 anni: la storia di Barbara Higgins

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roberto Angelini e la multa per lavoro nero: “Chiedo scusa. Ho sbagliato tutto”
Cronaca / Il bollettino: oggi 5.753 casi e 93 morti
Cronaca / Coprifuoco alle 23 e ristoranti all'interno aperti: cosa cambia da domani
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roberto Angelini e la multa per lavoro nero: “Chiedo scusa. Ho sbagliato tutto”
Cronaca / Il bollettino: oggi 5.753 casi e 93 morti
Cronaca / Coprifuoco alle 23 e ristoranti all'interno aperti: cosa cambia da domani
Cronaca / Papa Francesco: "In nome di Dio, cessi il frastuno delle armi"
Cronaca / Vaccino, a soli 8 mesi Vincenzo Mincolla è il più giovane al mondo ad aver ricevuto le 2 dosi Pfizer
Cronaca / Scampia, linciato dalla folla e gettato in un cassonetto: “Stava abusando di un minore”
Cronaca / In copertina sull’Espresso un “uomo incinto”, Salvini insorge: “Egoismo e follia”
Cronaca / Silvio Berlusconi è stato dimesso dall’ospedale San Raffaele
Cronaca / Mors tua, dose mea: ecco perché lo stop a Reithera dimostra che è in atto una guerra sui vaccini (di L. Telese)
Cronaca / Covid, 6.659 casi e 136 morti nell'ultimo giorno