Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:14
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Bari, 34enne partorisce con un infarto in corso: mamma e figlia stanno bene

Immagine di copertina

Bari, partorisce la figlia con un infarto in corso al Policlinico

Una donna incinta di 34 anni con un infarto in corso ha percorso 40 chilometri per raggiungere da Monopoli il Policlinico di Bari per partorire. Grazia è riuscita ad arrivare in ospedale dove, con un parto cesareo, ha messo al mondo la figlia, Elisabetta.

I medici hanno deciso di trattare l’ostruzione coronarica della donna solo dopo la nascita della bambina. Ora mamma e figlia stanno bene e sono tornate a casa. “Adesso stiamo entrambe bene”, racconta la donna. “In quel momento – ricorda Grazia – temevo più per mia figlia che per la mia vita: poi, quando l’ho sentita piangere, l’emozione che ho provato è stata indescrivibile e ho cominciato a piangere anch’io”. La primogenita di due anni e mezzo, “è stata felicissima quando mi ha rivisto dopo dieci giorni”, aggiunge Grazia, e “finalmente ha potuto riabbracciare me e vedere per la prima volta sua sorella“.

La procedura standard, spiega il direttore di Cardiologia ospedaliera del Policlinico, Carlo D’Agostino, “avrebbe richiesto l’esecuzione di una immediata angioplastica coronarica con il posizionamento di stent e l’utilizzo di alte dosi di farmaci antiaggreganti piastrinici. Ma per la signora, con una gravidanza quasi a termine, una terapia antiaggregante spinta avrebbe costituito un grave rischio di emorragia nel corso del parto”.

La donna aveva una ostruzione di una delle arterie coronarie, dovuto a dissezione della parete. “Viste le condizioni cliniche – prosegue il medico – si è deciso che la condizione a minor rischio fosse far partorire la signora mantenendo la massima protezione cardiologica, con la possibilità di intervenire immediatamente in caso di destabilizzazione”. “Non hanno subito alcuna conseguenza – assicura il direttore di Cardiologia D’Agostino – possiamo dirlo con certezza dopo gli ultimi controlli”.

Leggi anche: Partorisce a 57 anni dopo aver perso per tumore la figlia di 13 anni: la storia di Barbara Higgins

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Scuola, le Regioni chiedono al governo di mandare in classe i positivi asintomatici
Cronaca / Covid, oggi 186.740 casi e 468 morti: mai così tanti dal 14 aprile 2021
Cronaca / I Savoia rivogliono i gioielli della corona custoditi dalla Banca d’Italia: “Appartengono a noi”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Scuola, le Regioni chiedono al governo di mandare in classe i positivi asintomatici
Cronaca / Covid, oggi 186.740 casi e 468 morti: mai così tanti dal 14 aprile 2021
Cronaca / I Savoia rivogliono i gioielli della corona custoditi dalla Banca d’Italia: “Appartengono a noi”
Cronaca / Milano, violenze in piazza Duomo: tre indagati. Dicevano: “Quella dalla a me”
Cronaca / Torino, bambino di 10 anni muore per Covid: “Non si era potuto vaccinare per un problema di salute”
Cronaca / Arezzo, operaio 51enne muore incastrato in un macchinario
Cronaca / Covid, Capobianchi: “L’infezione si spegnerà ma una nuova variante potrebbe sparigliare le carte”
Cronaca / "Ebreo di me**a, devi morire": bambino insultato e preso a calci da due 15enni
Cronaca / Lufthansa e Msc sono interessate a Ita Airways: “Ma il governo resti nella società”
Cronaca / Boom di dimissioni volontarie nelle aziende: “I giovani si interrogano sul senso del lavoro e della vita”