Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Bimbo suicida a Napoli, l’esperto: “Controllate i bambini in rete, navigano anche di notte”

Immagine di copertina

Bambino suicida a Napoli, lo psicologo: “Monitorate i bambini in rete, navigano anche di notte”

Un bambino di undici anni si è tolto la vita, lanciandosi dal balcone di casa: la vicenda è accaduta a Napoli, quartiere Chiaia. Il bambino, prima di compiere il gesto estremo, ha inviato un sms alla madre, spiegando di dover “seguire l’uomo nero col cappuccio”. Gli inquirenti quindi sospettano che il piccolo stesse seguendo una sorta di challenge mortale, sempre più diffuse sul web. Guido Orsi, criminologo e psicologo, è stato intervistato da Leggo e ha spiegato che, a quell’età, non è facile comprendere appieno ciò che si sta vivendo. “Stiamo parlando di un undicenne, si è più facilmente coinvolgibili dal punto di vista emotivo e non si hanno ancora tutte le capacità per comprendere pienamente certe situazioni. I siti esca giocano proprio sulla componente emozionale”.

Come precisa lo psicologo, il primo segnale d’allarme è il tempo che i bambini trascorrono in rete. “I genitori dovrebbero sempre tenerlo sotto controllo, specie di notte. Si sottovaluta la navigazione attraverso i telefonini, eppure è proprio via cellulare che molti adolescenti stanno in Rete fino a tardi. L’età li rende più suggestionabili. La stanchezza abbassa le difese. Perdono la cognizione del tempo e di quello che stanno facendo”. Sintomi che creano dipendenza, ha sottolineato lo psicologo Orsi. E, quando parla di perdere la cognizione di ciò che si sta facendo, può intendere anche quello che è accaduto al piccolo nel napoletano, gettarsi dal decimo piano del palazzo credendo che non sia reale. “Purtroppo sì, si può entrare in una situazione dissociativa e si può non essere in grado di capire ciò che sta accadendo”, ha precisato lo psicologo a Leggo.

Leggi anche:

1. Cos’è “Jonathan Galindo”, il gioco social che potrebbe aver spinto l’11enne di Napoli a suicidarsi / 2. “Mamma, papà vi amo ma devo seguire l’uomo col cappuccio”: 11enne si lancia dal balcone a Napoli

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 3.099 casi e 44 morti: tasso di positività all'1%
Cronaca / Regeni, commissione d’inchiesta in missione a Cambridge
Cronaca / Covid, oggi 3.525 casi e 50 morti: tasso di positività all'1%
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 3.099 casi e 44 morti: tasso di positività all'1%
Cronaca / Regeni, commissione d’inchiesta in missione a Cambridge
Cronaca / Covid, oggi 3.525 casi e 50 morti: tasso di positività all'1%
Cronaca / 3.797 nuovi casi e 52 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,4%
Cronaca / Trovato morto Giacomo Sartori, il 29enne scomparso una settimana fa a Milano
Cronaca / A chi esulta per Dell’Utri do una notizia: non è stato assolto dalle condanne precedenti
Cronaca / Rilasciato l’ex presidente catalano Puigdemont: era stato arrestato in Sardegna
Cronaca / È arrivato il numero 2 del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / 4.061 nuovi casi e 63 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,3%
Cronaca / Draghi all’assemblea di Confindustria: “Il green pass è strumento di libertà, no a nuove tasse”