Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 17:44
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

“Mamma, papà vi amo ma devo seguire l’uomo col cappuccio”: 11enne si lancia dal balcone a Napoli

Immagine di copertina

Tragedia a Napoli, nel quartiere Chiaia dove un bambino di 11 anni si è suicidato lanciandosi dal balcone di casa. Secondo quanto riporta Ansa, la Polizia di Stato e la Procura ipotizzano il reato di istigazione al suicidio. Il ragazzino prima di lasciarsi cadere ha lasciato un bigliettino con il quale chiede scusa alla mamma e nel quale fa riferimento a uno stato di paura vissuto nelle ultime ore di vita.

“Ho paura dell’uomo nero”, si legge sul foglietto, e gli inquirenti non escludono possa essere stato vittima dei cosiddetti “challenge dell’orrore”, del tipo “blue whale”, un gioco on-line, che comprende atti di autolesionismo e alla fine si conclude con la più difficile delle prove, il suicidio.

Leggi anche: È vero che esistono gruppi virtuali che spingono gli adolescenti a suicidarsi per un gioco?

A riportare la storia è anche il Corriere del Mezzogiorno che aggiunge alcuni particolari importanti per ricostruire i giorni prima del gesto del bambino. “Mamma, papà vi amo ma devo seguire l’uomo col cappuccio”, è stato il suo ultimo messaggio lasciato nella stanzetta prima di cadere dall’undicesimo piano. L’ipotesi al vaglio della polizia che ha svolto i primi sopralluoghi è che il bambino sia potuto finire nel vortice di un gioco chiamato “Jonathan Galindo”. Si tratta di un uomo con un cappuccio nero che ha le sembianze benevole di Pippo della Disney, che richiede l’amicizia su ogni canale social possibile (Facebook, Instagram, Tik Tok, Twitter), scegliendo quasi sempre giovanissimi, e che lancia delle sfide a chi lo segue. Una gara fatta di piccoli step con difficoltà sempre più elevate e che potrebbe aver spinto il ragazzo a lanciarsi nel vuoto perché così era stato deciso «dall’uomo col cappuccio”.

Ma oltre il biglietto non vi sono al momento altri particolari che immettano sulla pista dell’istigazione al suicidio. Secondo quanto emerso finora sembra che il bambino, residente con la famiglia nel quartiere Chiaia della città, fosse sano e felice, praticava sport e andava d’accordo con i compagni.

Qui le altre notizie di cronaca

Ti potrebbe interessare
Costume / Perde il lavoro per il Covid, l’italiano Khaby diventa tiktoker e supera i follower di Zuckerberg
Cronaca / Parla la lavoratrice in nero del caso Angelini: "Bob mi ha messo alla gogna ma io non farò lo stesso con lui"
Cronaca / Urbano Cairo insulta la sindaca di Torino: "Appendino? Una deficiente"
Ti potrebbe interessare
Costume / Perde il lavoro per il Covid, l’italiano Khaby diventa tiktoker e supera i follower di Zuckerberg
Cronaca / Parla la lavoratrice in nero del caso Angelini: "Bob mi ha messo alla gogna ma io non farò lo stesso con lui"
Cronaca / Urbano Cairo insulta la sindaca di Torino: "Appendino? Una deficiente"
Cronaca / Sgarbi contro il bacio saffico nello spot Dietorelle: “Pubblicità oscena”
Cronaca / "Hanno bloccato Reithera ma così l'Italia sarà sotto schiaffo di Big Pharma"
Cronaca / La Chiesa apre al Ddl Zan: “Ok alla proposta di legge, ma deve essere più chiara”
Cronaca / Roma, 31enne precipita da un ponte del Tevere mentre si fa un selfie: è grave
Costume / “Fedez mi ha censurato”: il prete youtuber accusa il rapper. Il botta e risposta social | VIDEO
Cronaca / Coprifuoco e riaperture, in arrivo il nuovo decreto: ecco cosa cambia
Cronaca / Somministrate 27.3 milioni di dosi