Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 07:32
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Auto finisce nel Sesia, parla il fratello della vittima: “L’ho visto sparire, io salvo grazie a un ramo”

Immagine di copertina
A sinistra la vittima Samuel Pregnolato. A destra il Fiume Tanaro a Ormea (Cuneo). Credit: ANSA / Raffaele Sasso

“Dovevamo percorre un’altra strada ma eravamo preoccupati per la caduta dei rami, così abbiamo cambiato percorso”. Nicolas Pregnolato, 21enne di Quarona, è salvo per miracolo. Era in automobile con suo fratello Samuel quando la strada si è sbriciolata al loro passaggio e sono finiti nel fiume Sesia, ingrossato dal maltempo che si è abbattuto sul Vercellese la notte tra venerdì e sabato scorso. Il corpo di Samuel Pregnolato, 36 anni, è stato recuperato 10 ore dopo sul greto del fiume Sesia, a Borgosesia, diversi chilometri più a valle.

“Non so come ho fatto ma mi sono aggrappato a un ramo. Mio fratello l’ho visto nell’auto poi nulla”, ha raccontato Nicolas Pregnolato a Repubblica Torino. “Eravamo andati a prendere una nostra amica che era rimasta bloccata a causa del maltempo a Varallo Sesia e stavamo tornando verso casa”, ha spiegato. “Dovevamo percorrere un’altra strada ma c’erano dei rami e abbiamo cambiato idea pensando che convenisse passare per la provinciale. Ma la strada praticamente non c’era e siamo finiti nel fiume”.

“Era completamente buio e non ce ne siamo accorti. È stato un attimo”, prosegue il racconto. I due fratelli sono riusciti a uscire dall’Opel Corsa a bordo della quale stavano viaggiando solo dopo che l’auto ha iniziato a imbarcare acqua. “Guidava mio fratello”, racconta il 21enne. “Lui è uscito un attimo prima di me, prima che l’acqua ci sommergesse. È l’ultima volta che l’ho visto. Io sono uscito dopo, ero già completamente sommerso ma sono riuscito a liberarmi e a togliere la cintura”.

Poi Nicolas è riuscito ad aggrapparsi a un ramo e a chiamare i soccorsi. Oggi dice: “Sono vivo per miracolo”, ma suo fratello non è stato altrettanto fortunato. “Quando ci hanno detto del ritrovamento di una persona ho capito che era lui. Non sapeva nuotare. L’ho immaginato”.

Leggi anche: Maltempo, ultime notizie. Sono cinque i morti: due cadaveri recuperati in mare a Ventimiglia. Crollano due ponti sul fiume Sesia

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Fiere di animali esotici, l’inchiesta della Lav sui “wet market” italiani
Cronaca / 4.552 nuovi casi e 66 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,6%
Cronaca / Palombelli difende le sue affermazioni sui femminicidi: “Guardare realtà da tutte le angolazioni”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Fiere di animali esotici, l’inchiesta della Lav sui “wet market” italiani
Cronaca / 4.552 nuovi casi e 66 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,6%
Cronaca / Palombelli difende le sue affermazioni sui femminicidi: “Guardare realtà da tutte le angolazioni”
Cronaca / Quando esce The Post Internazionale in edicola, città per città
Cronaca / Positivi al Covid, accompagnano i figli a scuola prima dell’esito del tampone: due classi in quarantena
Cronaca / “Il Covid non esiste”: maestra trevigiana no vax e no mask ricoverata in terapia intensiva
Cronaca / Brunetta: “Adesso basta smart working, con il Green Pass tutti i lavoratori potranno tornare in presenza”
Cronaca / Barbara Palombelli sui femminicidi: “Bisogna chiedersi se le donne hanno avuto comportamenti esasperanti”
Cronaca / Green pass per tutti i lavoratori: multe fino a 1.500 euro e stop allo stipendio per chi non ha la certificazione
Cronaca / Alessandro Barbero contro il Green Pass: "Così la sinistra si piega ai padroni"