Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 16:20
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Alan Kurdi, sbarcati a Malta i 40 migranti: saranno ridistribuiti in paesi Ue

Immagine di copertina
La nave di salvataggio Alan Kurdi

L'annuncio del premier maltese Joseph Muscat

Alan Kurdi, i migranti sono sbarcati a Malta

I 40 migranti a bordo della nave Alan Kurdi, dell’Ong tedesca Sea Eye, sono sbarcati a Malta. Le persone sono state trasferite sulle motovedette delle forze armate maltesi in acque internazionali e trasferite nel porto di La Valletta.

I 40 migranti che erano a bordo, soccorsi in mare lo scorso 31 luglio, saranno ridistribuiti in altri Paesi europei.

L’autorizzazione allo sbarco a Malta era stata annunciata ieri sera su twitter dal premier maltese Joseph Muscat. “In seguito alla richiesta della Germania”, ha scritto Muscat, “Malta permetterà ai 40 migranti della Alan Kurdi di entrare in porto. Il Governo tedesco e la Commissione europea hanno predisposto affinché tutte le persone a bordo siano distribuite tra Stati Membri dell’Ue”.

Ieri mattina il capo missione della Sea Eye aveva sollecitato un’azione umanitaria, attribuendo all’Italia la responsabilità del ritardo nello sbarco.

All’annuncio della capo missione Barbara Held sullo sbarco a Malta, previsto in mattinata, i migranti a bordo della Alan Kurdi hanno gioito con applausi e abbracci.

“Volevo dirvi che presto sbarcherete a Malta e andrete in diversi paesi europei”, ha detto Held in un video che la ong tedesca ha postato su Twitter.

Da parte di Sea Eye, che ha ringraziato il governo maltese, arriva invece un nuovo attacco all’Italia dopo il divieto di ingresso nelle acque territoriali: “L’Italia ha completamente abbandonato le sue responsabilità umanitarie”, dice il portavoce Gorden Isler in un tweet. “Il comportamento di Malta è stato conforme alle leggi internazionali, quello dell’Italia un disastro”.

Restano invece ancora in mare i 121 migranti soccorsi in due distinti interventi da Opens Arms, la nave della Ong catalana che sta navigando tra Lampedusa e Malta.

“Ancora una notte a bordo e continuiamo a non avere l’autorizzazione allo sbarco. È urgente e prioritario avere un porto sicuro”, ha scritto in un tweet l’organizzazione umanitaria sottolineando che le storie dei migranti soccorsi “sono drammatiche”.

I racconti sono stati raccolto dalla giornalista spagnola Yolanda Alvarez, che si trova a bordo. “Abbiamo passato 9 mesi in un centro di detenzione, subendo anche violenze sessuali” ha detto una donna, mentre un nigeriano di 35 anni ha raccontato che, dopo esser fuggito alle violenze di Boko Haram, è stato costretto a lavorare gratis in Libia. “In Libia lavori e non ti pagano, non puoi essere felice, in Libia esiste ancora il commercio di schiavi”.

Pietro Bartolo: “Ho visto l’orrore dei campi in Libia. Nessuno deve essere portato indietro”

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Report Iss, i vaccini anti-Covid riducono contagi e ricoveri: -95% di morti già dopo la prima dose
Cronaca / Dai porti italiani partono armi destinate a Israele, ma a Livorno i portuali bloccano il carico
Cronaca / Via libera del ministero ai test salivari molecolari
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Report Iss, i vaccini anti-Covid riducono contagi e ricoveri: -95% di morti già dopo la prima dose
Cronaca / Dai porti italiani partono armi destinate a Israele, ma a Livorno i portuali bloccano il carico
Cronaca / Via libera del ministero ai test salivari molecolari
Cronaca / Aggiornamento vaccini anti-Covid: quante dosi sono state consegnate e somministrate in Italia | 15 maggio 2021
Cronaca / Oggi 7.567 casi e 182 morti: il bollettino
Cronaca / Rula Jebreal rifiuta l’invito a Propaganda Live: “Sette ospiti e una sola donna. Come mai?”
Cronaca / Roberto Angelini multato per lavoro nero: "Sono stato tradito da un'amica"
Cronaca / Gaza, Fedez: “Non mi schiero. Ma qual è la posizione del governo italiano davanti all’uccisione di bambini?”
Cronaca / “Ce lo chiede l’Europa di mangiare da schifo”: bufera sul servizio anti-Ue di Rai2
Costume / La Treccani elimina “cagna” e “zoccola” dai sinonimi di donna: il vero dramma è che finora li erano