Covid ultime 24h
casi +13.633
deceduti +472
tamponi +264.728
terapie intensive -28

Migranti, Open Arms ha salvato altre 69 persone al largo della Libia: “Ora 124 a bordo, serve un porto sicuro”

In due giorni recuperati in 123

Di Donato De Sena
Pubblicato il 2 Ago. 2019 alle 12:01 Aggiornato il 11 Set. 2019 alle 02:23
0
Immagine di copertina
Immagine dall'account Twitter di Oscar Camps

Open Arms salva 69 migranti

La nave spagnola Open Arms della Ong Proactiva Open Arms ha salvato altri 68 migranti nel Mediterraneo, al largo della Libia. Tra loro anche 2 bambini e due donne incinte. A darne notizia è stata la stessa organizzazione via Twitter rilanciando un messaggio del fondatore Oscar Camps.

“Salvate durante la notte – si legge nel tweet – altre 68 persone con segni evidenti delle torture subite in Libia. 2 bimbi, 2 donne in gravidanza, una di 9 mesi con contrazioni. 123 persone a bordo dell’Open Arms. Ora abbiamo bisogno di un porto sicuro per farle sbarcare”. Poi il numero è stato corretto.

open arms migranti

I 69 migranti si aggiungono ai 55 già salvati ieri da Open Arms, per questo il numero delle persone recuperate è salito a 124.

Dopo il salvataggio di ieri la Ong catalana Proactiva ha fatto sapere che le persone recuperate “stavano affondando”. “L’acqua stava entrando nel gommone, ma siamo arrivati in tempo”, hanno comunicato via Twitter. E poi: “Sono al sicuro e ora abbiamo bisogno di un porto sicuro”. Un porto sicuro difficile da raggiungere.

open arms migranti

Come riferito da fonti del Viminale, due giorni fa il ministro dell’Interno Matteo Salvini, insieme ai colleghi Danilo Toninelli ed Elisabetta Trenta, rispettivamente titolari di Trasporti e Difesa, ha firmato un provvedimento di divieto di ingresso, transito e sosta nelle acque territoriali italiane per la Open Arms.

Intanto la nave Alan Kurdi della Ong tedesca Sea Eye, si trova a poche miglia da Lampedusa, in attesa di sapere dove sbarcare i migranti soccorsi mercoledì scorso, 31 luglio, al largo della Libia.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.