“C’è in giro un’epidemia di ignoranza”, il murale contro la psicosi da Coronavirus

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 4 Feb. 2020 alle 12:03 Aggiornato il 4 Feb. 2020 alle 13:02
2.5k
Immagine di copertina
Credit: ANSA

Il murale contro il razzismo generato dal Coronavirus a Roma

“C’è in giro epidemia di ignoranza. Dobbiamo proteggerci”, recita la vignetta che accompagna il murale contro il razzismo e la psicosi generata dal Coronavirus. L’opera della street artist Laika raffigura Sonia, la celebre ristoratrice cinese della Capitale. Il murale si trova proprio a Piazza Vittorio a Roma, non lontano dal ristorante “Hang Zhou” (da Sonia) appunto, e proprio nel cuore del quartiere multietnico della città, l’Esquilino. Chiamato anche “Chinatown di Roma”. (Qui l’intervista di TPI nel ristorante cinese da Sonia)

Il murale sul Coronavirus in Via Principe Amedeo (all’ingresso del mercato coperto di Piazza Vittorio) è un invito alla solidarietà verso gli esercenti cinesi che stanno facendo i conti con la paura del contagio da virus e con la fobia dei clienti verso tutto ciò che asiatico.

Sonia e tanti altri ristoratori e commercianti cinesi lamentano infatti un drastico calo di clientela da quando è stata dichiarata l’emergenza da Coronavirus. Nel murale, Sonia indossa la mascherina e la tuta bianca protettiva e in mano ha una scodella di riso e un cartello #JeNeSuisPaSunVirus“.

Leggi anche:

Le donne che ci salvano dal virus, le donne che facciamo a pezzi: l’Italia del 2020 (di G. Gambino)

“Sono cinese, ma non sono un virus”: la campagna social contro il razzismo generato dal Coronavirus

Coronavirus in Italia, psicosi razzista: “Alla larga dai cinesi!” (di G. Gambino)

Virus Cina: tutto quello che c’è da sapere sul virus cinese ed evitare la psicosi

Virus Cina | Esclusivo TPI, video dalla Cina: mascherine usate vendute clandestinamente

Credit: ANSA/Alessandra Magliaro

2.5k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.