Me

“Segui le tue passioni” è un consiglio sbagliato secondo gli psicologi di Yale e Stanford

Gli psicologi consigliano di concentrarsi sulla crescita personale nell'attesa di un'improvvisa ispirazione

Immagine di copertina
Il consiglio "trova la tua passione" comporta un processo passivo

La tua passione non si trova là fuori in attesa di essere scoperta. Non è una forza misteriosa che una volta trovata rimuoverà tutti gli ostacoli dal tuo percorso.

“Trova la tua strada o segui le tue passioni” possono essere consigli che comportano una distrazione pericolosa, secondo quanto emerge da un nuovo studio condotto da un team di psicologi.

I ricercatori dell’università Stanford e Yale-NUS di Singapore, una collaborazione tra la Yale University e la National University di Singapore, hanno condotto una ricerca che sarà presto pubblicata sulla rivista Psychological Science, in cui hanno esaminato “implicite teorie di interesse”.

In cinque test gli psicologi hanno misurato gli effetti di un approccio rigido alle cose rispetto a una mentalità elastica, la credenza che esistano talenti intrinseci rispetto a quelli che vengono sviluppati nel corso del tempo, per determinare in che modo le nostre convinzioni influenzino l’apprendimento.

“Ci sono interessi da sempre in attesa di essere rivelati?”, si sono chiesti i ricercatori, “o si deve coltivare una scintilla di interesse attraverso investimenti e persistenza?”.

La risposta a queste domande dipende dal nostro approccio agli interessi. Sulla base delle ultime scoperte, le persone che hanno una mentalità fissa, la credenza quasi mistica che le passioni ci vengano rivelate magicamente, sembrano essere meno curiose e motivate di quelle con una mentalità elastica, che considerano gli interessi un processo sempre in fase di sviluppo.

“Abbiamo bisogno di considerare attentamente ciò che comunichiamo alle persone sugli interessi e le passioni”, dice a Quartz lo psicologo del college Yale-NUS Paul O’Keefe, il ricercatore principale.

“Genitori, insegnanti e datori di lavoro potrebbero ottenere il massimo dalle persone se suggeriscono che gli interessi sono sviluppati, non semplicemente trovati. Dire alle persone di trovare la loro passione potrebbe suggerire che è la passione stessa è dentro di te che aspetta solo di essere rivelata”.

Lo psicologo del college Yale-NUS Paul O’Keefe sostiene che il consiglio “trova la tua passione” comporta un processo passivo. Dire alle persone di sviluppare la loro passione, invece, suggerisce un approccio attivo che dipende da noi. Secondo lo psicologo “è un modo di pensare realistico “.

Una precedente ricerca di Carol Dweck, psicologo dell’università di Stanford, ha mostrato che le persone che percepiscono se stesse come opere in corso, che credono nelle possibilità di sviluppo piuttosto che nel fatto che siamo tutti nati con tratti fissi, tendono ad essere più felici, più motivate ​​e più efficaci.

“Questa mentalità in crescita si basa sulla convinzione che le tue qualità di base siano cose che puoi coltivare attraverso i tuoi sforzi”, ha scritto Dweck nel suo libro Mindset, la nuova psicologia del successo.

O’Keefe sostiene che questi risultati possono essere applicati alle nostre vite e alla nostra società.

“Il nostro lavoro mostra che una mentalità di crescita aumenta l’interesse in aree al di fuori degli interessi preesistenti degli studenti. Inoltre, questo nuovo interesse sviluppato non sembra sminuire i loro interessi preesistenti. In altre parole, incoraggiando una mentalità di crescita, non abbiamo prove che gli studenti diventino dilettanti. Potrebbero invece scoprire connessioni tra aree nuove e gli interessi che già possiedono. È un potente strumento di apprendimento “, afferma O’Keefe.

Una mentalità in crescita può offrire solo benefici, mentre una prospettiva fissa può avere pericolosi risvolti negativi, compresa la tendenza ad abbandonare gli interessi di fronte a qualsiasi difficoltà.

“Una mentalità in crescita rende le persone più aperte a nuovi e diversi interessi e sostiene quegli interessi quando perseguirli diventa difficile”.

I ricercatori hanno paragonato questo approccio all’apprendimento alle prospettive romantiche delle persone. Coloro che cercano l’unico vero amore hanno aspettative non realistiche e possono ritrovarsi in una ricerca infinita.

Coloro che credono invece che l’amore sia un progetto e un processo saranno più pazienti quando il loro partner non sarà all’altezza delle aspettative e alla fine potranno sperimentare momenti di vero amore.