Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Sport

“Salah punito da Allah perché ha interrotto il Ramadan”, così dice un imam

Immagine di copertina
Il momento dell'infortunio di Salah durante Real Madrid Liverpool

L'attaccante del Liverpool si è infortunato durante la finale di Champions League contro il Real Madrid

L’infortunio rimediato da Mohamed Salah alla mezz’ora della finale di Champions League contro il Real Madrid è stato un castigo divino per aver interrotto il digiuno imposto dal Ramadan.

A sostenerlo è stato un imam del Kuwait, Mubarak al-Bathali, che su Twitter ha scritto: “Dio lo ha punito perché mangiare e bere per poter disputare una partita di calcio non è una scusa legittima per interrompere il digiuno durante il mese sacro”.

Alla notizia, forse, avrà fatto un sospiro di sollievo il difensore dei blancos Sergio Ramos, protagonista dell’intervento scomposto ai danni dell’egiziano, finito al centro di un polverone arabo (la petizione contro di lui ha superato le 510.000 firme) mediatico e non solo.

Quindi, visto che ai musulmani è concesso di violare il digiuno per motivi di viaggio, se Momo (così è soprannominato) avesse deciso d’infrangere il Ramadan perché doveva spostarsi dalla sua Liverpool a Kiev (sede della finale) per giocare la partita, non avrebbe commesso peccato.

Scegliendo invece di non attenersi al precetto solo per non compromettere la gara, avrebbe sfidato le ire di Allah, che si sarebbe così vendicato facendolo infortunare.

Secondo Al-Bathali “Salah ha ricevuto un cattivo consiglio (quello di un nutrizionista, ndr) e sfortunatamente dovrà sopportarne il peso. La vita è nella mani di Dio, tutto accade secondo la sua volontà e forse l’infortunio è una cosa buona”.

In chiusura di anatema social, il predicatore ha voluto lasciare una speranza all’attaccante di Liverpool ed Egitto: “Salah è un uomo virtuoso, buono e rispettato. E’ un grande ambasciatore per i musulmani e ne sta migliorando l’immagine in Occidente. Non deve rattristarsi, perché la porta del pentimento è aperta”.

Consiglio che Salah forse seguirà. Anche perché c’è un Mondiale da giocare

Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, da gennaio obbligo vaccinale per gli over 60: multe di 100 euro al mese per i trasgressori
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, da gennaio obbligo vaccinale per gli over 60: multe di 100 euro al mese per i trasgressori
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale
Esteri / Bradley Cooper minacciato nella metropolitana di New York: “Aggredito con un coltello”
Esteri / AIRL, a Roma il Gala dell’amicizia italo-libica: “Che sia l’inizio di una nuova vita, di una stretta collaborazione”
Esteri / Variante, nel Regno Unito torna l’obbligo di mascherina nei luoghi e sui mezzi pubblici
Esteri / Austria, morto di Covid l’esponente No Vax Biacsics: aveva tentato di curarsi con clisteri di candeggina
Esteri / Usa, sparatoria in una scuola del Michigan: 15enne apre il fuoco sui compagni. Morti 3 studenti
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda