Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:23
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Sport

Ronaldo è stato ricoverato in ospedale a Ibiza

Immagine di copertina
Ronaldo con il suo amico Vieri alla Bobo Summer Cup

Ronaldo, Il Fenomeno, non Cristiano, è stato ricoverato in ospedale ad Ibiza. Secondo quanto riportano diversi media spagnoli, in particolare il ‘Diario di Ibiza’, l’ex attaccante di Inter, Real Madrid e Milan venerdì scorso si è recato al pronto soccorso dell’ospedale di Can Misses dove gli è stata diagnosticata una forte polmonite.

L’ex campione brasiliano, in un primo momento rimasto nella struttura pubblica, ha poi chiesto le dimissioni per spostarsi nel centro ospedaliero privato di Ibiza (l’UCI de la Policlinica Nuestra Señora del Rosario).

Preoccupazione da parte dei fan del campione del Mondo che però, secondo fonti del centro ospedaliero, sarebbe già in via di guarigione.

L’ultima apparizione in pubblico del Fenomeno, tra l’altro, risale a pochi giorni fa. Quando sorridente e spensierato ha preso parte alla Bobo Summer Cup con il suo grande amico Bobo Vieri e altre leggende del calcio come Recoba e Crespo.

Poi l’arrivo in Spagna e la disavventura per il campione che agli ultimi Mondiali in Russia ha ricoperto il ruolo di ambasciatore del calcio. Da quando ha smesso con il calcio giocato infatti Il Fenomeno è diventato un vero e proprio brand: apparizioni e pubblicità non mancano.

Ad esempio Ronaldo, poco prima del Mondiale russo, ha prestato il suo volto alla Nike, storico sponsor legato alla sua carriera, per un spot amarcord.

Una pubblicità che rimanda a quella storica girata nel 1998 in occasione dei Mondiali di Francia ’98 in cui i giocatori del Brasile, in attesa del volo per Parigi, sulle note della musica di Sergio Mendes, “Mas que nada”, dribblavano passeggeri, hostess, piloti, aerei e qualsiasi cosa gli si presentasse davanti all’interno dell’aeroporto di Rio de Janeiro.

Spot che terminava con Ronaldo (il fenomeno, ovviamente) che calciava “in porta” ma sbagliava clamorosamente colpendo il paletto…

Ora, 20 anni dopo quello spot storico, la Nike ha presentato un nuovo video per lanciare l’avventura Mondiale della Seleçao in Russia.

La base è la stessa, ma con l’inserimento di videogiochi, social network e non solo. E alla fine una chicca: Ronaldo, con la stessa maglietta blu del ’98, e con addosso i chili presi nel tempo, che riprova lo stesso calcio in aeroporto. E sbaglia ancora…

Ti potrebbe interessare
Sport / Michael Schumacher, le foto shock sul letto scattate di nascosto da un amico
Sport / Nuova polemica su Novak Djokovic, suo padre con i tifosi russi: bandiere con il volto di Putin e simbolo Z
Sport / Lazio Milan streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Serie A
Ti potrebbe interessare
Sport / Michael Schumacher, le foto shock sul letto scattate di nascosto da un amico
Sport / Nuova polemica su Novak Djokovic, suo padre con i tifosi russi: bandiere con il volto di Putin e simbolo Z
Sport / Lazio Milan streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Serie A
Sport / Inter Empoli streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Serie A
Cronaca / Stangata Juventus, l’ex presidente: “Manovra stipendi peggio delle plusvalenze, possibile falso in bilancio”
Sport / Juventus Atalanta streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Serie A
Sport / Spezia Roma streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Serie A
Cronaca / Juventus, il neopresidente Ferrero parla alla squadra: “Compatti di fronte all’ingiustizia“
Sport / Salernitana Napoli streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Serie A
Cronaca / Tardelli ammette: “Anche a me davano il Micoren. Spero di essere fortunato, non vedo centenari”