Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 06:17
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Sport

Prada Cup 2021, Luna Rossa vola in finale: battuta American Magic 4-0

Immagine di copertina
Credit: Twitter/Luna Rossa

Continua a volare Luna Rossa in quest’edizione della Prada Cup. L’imbarcazione italiana ha battuto nettamente in semifinale American Magic, vincendo Race 3 e Race 4, e si è qualificata così per la finale della prestigiosa competizione. Appuntamento per il 13 febbraio, quando Luna Rossa se la vedrà contro Team Ineos con in palio il pass per giocarsi la 36esima America’s Cup.

Un’altra giornata da incorniciare dunque per l’AC75 di Patrizio Bertelli che ha vinto contro American Magic con un netto 4-0. Massimo risultato nel minimo tempo disponibile per il team italiano, che conquista in appena due giorni di gare la finale, dove sfiderà Team Ineos Uk a partire dal 13 febbraio. Per la vela italiana si tratta della quinta finale di Prada Cup (prima Vuitton Cup) dopo quelle raggiunte da Il Moro (1992) e dalla stessa Luna Rossa (2000, 2007, 2013).

Una notizia che fa felici non solo gli appassionati di vela, ma che in qualche modo è un simbolo di ciò che la cultura italiana è in grado di produrre, segno tangibile dell’unione perfetta tra un marchio storico della moda e la tecnologia applicata alle sfide dello sport e del mare. Nonostante un vento non molto intenso, Luna Rossa ad Auckland ha dominato, grazie soprattutto alle partenze al limite della perfezione, con Race 3 chiusa con 35” di vantaggio e Race 4 con un gap di quasi 4′, anche a causa di un problema tecnico accusato da American Magic. Prossimo obiettivo dunque la finale di Prada Cup contro gli inglesi di Ineos, a partire dal 13 febbraio. Si gareggerà al meglio di 13 regate: vince il primo che conta sette vittorie. In palio non solo il titolo, perché la vincente sfiderà Team New Zealand nella 36esima edizione dell’America’s Cup dal 6 al 15 marzo.

“È stata una bella giornata. Abbiamo raggiunto il primo step che era quello di andare in finale di Prada Cup. I ragazzi hanno portato benissimo la barca, alla perfezione, come avevamo programmato nella pretattica prima della regata. In tutte e due le partenze sono stati molto bravi a controllare l’avversario”, dice Max Sirena, skipper e team director di Luna Rossa. “Era una giornata non semplice, il vento era molto rafficato e in poppa era difficile mantenere il controllo. La cosa che ci da più soddisfazione sono le performance della barca ed il modo di comunicare a bordo che stanno migliorando molto. È solo il primo step da domani pensiamo alla finale che sarà difficilissima, quindi testa bassa e concentrati”, aggiunge lo skipper.

LE ULTIME NOTIZIE DI SPORT

Ti potrebbe interessare
Sport / Tokyo 2020: le gare in programma oggi e domani, gli orari
Sport / Tokyo 2020: le gare in programma oggi e domani, gli orari
Sport / Simone Biles torna in gara dopo il ritiro: vince il bronzo alla trave
Ti potrebbe interessare
Sport / Tokyo 2020: le gare in programma oggi e domani, gli orari
Sport / Tokyo 2020: le gare in programma oggi e domani, gli orari
Sport / Simone Biles torna in gara dopo il ritiro: vince il bronzo alla trave
Sport / La lezione di Tamberi e Barshim: esistono vittorie senza sconfitti, nello sport come nella vita
Sport / Quinto oro per l'Italia: la coppia Tita-Banti trionfa nella vela
Sport / Tokyo 2020: le gare in programma oggi e domani, gli orari
Politica / Salvini difende Jacobs dai sospetti dei media stranieri: “Squallidi, non sapete perdere”
Sport / “Belfast Boy, una storia inedita di George Best”: il libro di Stefano Friani alla scoperta dell’uomo oltre il calciatore
Sport / Chi è Nicole Daza, la fidanzata (futura moglie) di Marcell Jacobs
Esteri / Vettel contro Orban: indossa la maglietta pro Lgbt. “Sostengo chi soffre, squalificatemi”