Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:27
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Sport

Omofobia nel calcio, il messaggio di Ekdal: “Molti calciatori si nascondono perché hanno paura degli insulti” | VIDEO

Il centrocampista della Sampdoria e della Nazionale svedese a un evento del Parlamento europeo: "Che società siamo se un ragazzino non può seguire il suo sogno di diventare un calciatore per via del suo orientamento sessuale?"

 

 

Omofobia nel calcio, il messaggio di Ekdal: “Molti calciatori hanno paura”

“L’omosessualità nel calcio è un tabù: i calciatori si nascondono, perché hanno paura di insulti e reazioni negative”: a parlare è Armin Ekdal, centrocampista della Sampdoria e della Nazionale svedese, che è intervenuto oggi con un video durante un evento al Parlamento europeo di Bruxelles sull’omofobia nel mondo dello sport.

Il convegno è stato organizzato da Tiziana Beghin, capodelegazione del Movimento 5 Stelle al Parlamento europeo, Tomasz Frankowski, europarlamentare del Ppe e Marc Tarabella, del gruppo S&D. Il messaggio di Ekdal, che rappresenta una grande presa di posizione da parte di un atleta famoso della nostra Serie A, è stato uno dei passaggi più belli.

“In un mondo ideale – ha dichiarato Ekdal – nessuno dovrebbe sentirsi a disagio nel dichiararsi omosessuale, che sia nella vita o nel calcio. Ma purtroppo la realtà è molto diversa. Sfortunatamente nel nostro sport non è così: solo otto giocatori hanno dichiarato di essere omosessuali. Molti altri vorrebbero farlo ma evitano, per paura. È un ambiente dove l’omofobia è ancora diffusa. Questi giocatori sono preoccupati di diventare un bersaglio per gli insulti e lo scherno, sia dentro che fuori dal campo. Come risultato si sentono obbligati a nascondersi, fuggire, vivere nella paura”.

“Ecco perché – ha continuato il calciatore della Sampdoria – dobbiamo reagire, utilizzando l’istruzione come una forza per un cambiamento positivo. Che società siamo se un ragazzino non può seguire il suo sogno di diventare un calciatore per via del suo orientamento sessuale? Essere omosessuale non definisce te come persona, ma determina solo chi trovi attraente. Ognuno di noi è parte della razza umana e abbiamo una passione in comune. Amiamo il calcio. E questa è la cosa più importante”.

Leggi anche:
Hodgson contro l’omofobia nel calcio
“Le calciatrici? Almeno la metà sono lesbiche”: polemica su Cecchi Paone
La federcalcio inglese propone il coming out collettivo dei calciatori gay
Ti potrebbe interessare
Sport / Giro d’Italia 2022: Santiago Buitrago, signore della provincia autonoma
Sport / Roma Feyenoord streaming e diretta tv: dove vedere la finale di Conference League
Sport / Conference League, notte di scontri a Tirana: 60 tifosi fermati dalla polizia, 15 feriti
Ti potrebbe interessare
Sport / Giro d’Italia 2022: Santiago Buitrago, signore della provincia autonoma
Sport / Roma Feyenoord streaming e diretta tv: dove vedere la finale di Conference League
Sport / Conference League, notte di scontri a Tirana: 60 tifosi fermati dalla polizia, 15 feriti
Sport / Giro d’Italia 2022: molto rumore per quasi nulla
Calcio / Scudetto Milan, strappata la medaglia a Pioli. La Lega: “Te la ridiamo noi”
Sport / Serie A, il Milan è campione d’Italia
Sport / Calcio, insulti razzisti allo steward dalla curva della Lazio
Sport / Giro d’Italia 2022, un camoscio d’Abruzzo sul Gran Paradiso
Sport / Inter Sampdoria streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Serie A
Sport / Sassuolo Milan streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Serie A