Covid ultime 24h
casi +19.143
deceduti +91
tamponi +182.032
terapie intensive +57

“L’intelligenza non capita”: il durissimo attacco di Francesca Barra a Diletta Leotta

La giornalista e moglie dell'attore Claudio Santamaria ha criticato la conduttrice di Dazn per il suo monologo a Sanremo

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 13 Feb. 2020 alle 13:55 Aggiornato il 13 Feb. 2020 alle 13:56
32
Immagine di copertina

Francesca Barra attacca Diletta Leotta per il suo monologo a Sanremo

Durissimo attacco di Francesca Barra nei confronti di Diletta Leotta: “L’intelligenza non capita” ha dichiarato la giornalista e moglie dell’attore Claudio Santamaria in riferimento al monologo proposto dalla conduttrice di Dazn al Festival di Sanremo 2020.

“Se il suo monologo non è piaciuto quasi a nessuno, su un punto siamo quasi tutti d’accordo: è l’intelligenza che non capita” ha dichiarato la Barra nel corso del programma di Piero Chiambretti #CR4 – La Repubblica delle Donne commentando il monologo, che iniziava con le frasi “La bellezza non capita”, della Leotta (qui il suo profilo).

La gaffe di Diletta Leotta con il portiere dell’Inter Handanovic

Francesca Barra aveva già attaccato le frasi pronunciate dalla Leotta sul palco dell’Ariston attraverso un post su Instagram.

La moglie di Claudio Santamaria, infatti, aveva scritto qualche giorno fa sul social: “L’ho sempre difesa dagli attacchi e lo sapete. Ma ieri sera non ho apprezzato il presuntuoso monologo di Diletta Leotta: un finto ‘smascheramento’ che ha cercato la complicità del pubblico, senza riscontro. Se vuoi fare tv verità devi dire la verità, abbassare la maschera per davvero. Perché risulti solo retorica se ciò che dici non corrisponde a ciò che sei”.

“Perché lei poteva liberarci dall’ipocrisia e raccontare che sì, si può avere paura di invecchiare. Di non corrispondere ai canoni estetici che sognavamo e di essere libere di ristrutturarsi quando non ti “capita” la bellezza che desideravi per te stessa. Perché ritoccarsi è una libera scelta di buon senso, buon gusto, ma pur sempre una libera scelta. E se l’avesse ammesso sarebbe diventata la paladina di un’altra verità, seppur scomoda”.

“Avrebbe sdoganato un sacrosanto diritto al libero arbitrio sul proprio corpo, manifesto vero di emancipazione. Anche perché la differenza la fa sempre chi indossa un abito, come lo si indossa. Si può essere naturali e volgari allo stesso tempo, infatti”.

“Ma se mi dici che le rughe non ti fanno paura non serve, non ti credo e non basta la nonna a renderti credibile. Perché se non sei la Magnani e le rughe non le mostri, allora sí, hai paura cara Diletta. E qualcuno te lo doveva suggerire che non c’è niente di male. Il male è nell’inganno e non è estetico. Ma se menti si vede, e non c’è trucco (o trucchetti) che servano”.

“E poi che noia quando ha detto “non ci prendiamo in giro sul palco ci stai se sei bona”, perché fortunatamente esistono innumerevoli qualità e talenti da mostrare. Io ho avuto tante paure di: ingrassare, invecchiare. Ma sono quelle paure, superate a modo mio, che mi rendono unica”.

Visualizza questo post su Instagram

L’ho sempre difesa dagli attacchi e lo sapete. Ma ieri sera non ho apprezzato il presuntuoso monologo di Diletta Leotta: un finto “smascheramento” che ha cercato la complicità del pubblico, senza riscontro. Se vuoi fare tv verità devi dire la verità, abbassare la maschera per davvero. Perché risulti solo retorica se ciò che dici non corrisponde a ciò che sei. Perché lei poteva liberarci dall’ipocrisia e raccontare che sì, si può avere paura di invecchiare. Di non corrispondere ai canoni estetici che sognavamo e di essere libere di ristrutturarsi quando non ti “capita” la bellezza che desideravi per te stessa. Perché ritoccarsi è una libera scelta di buon senso, buon gusto, ma pur sempre una libera scelta. E se l’avesse ammesso sarebbe diventata la paladina di un’altra verità, seppur scomoda. Avrebbe sdoganato un sacrosanto diritto al libero arbitrio sul proprio corpo, manifesto vero di emancipazione. Anche perché la differenza la fa sempre chi indossa un abito, come lo si indossa. Si può essere naturali e volgari allo stesso tempo, infatti. Ma se mi dici che le rughe non ti fanno paura non serve, non ti credo e non basta la nonna a renderti credibile. Perché se non sei la Magnani e le rughe non le mostri, allora sí, hai paura cara Diletta. E qualcuno te lo doveva suggerire che non c’è niente di male. Il male è nell’inganno e non è estetico. Ma se menti si vede, e non c’è trucco (o trucchetti) che servano. E poi che noia quando ha detto “non ci prendiamo in giro sul palco ci stai se sei bona”, perché fortunatamente esistono innumerevoli qualità e talenti da mostrare. Io ho avuto tante paure di: ingrassare, invecchiare. Ma sono quelle paure, superate a modo mio, che mi rendono unica. #sanremo #dilettaleotta #francescabarra #tuttiallasbarra

Un post condiviso da Francesca Barra (@francescabarra1) in data:

Qualche giorno dopo, Francesca Barra è tornata sull’argomento “rispondendo” alla madre di Diletta Leotta, che aveva difeso la figlia dalle critiche affermando che le “donne sono le peggiori odiatrici”.

“È proprio la mancanza di coerenza e di corrispondenza fra ciò che ha sempre mostrato e trasmesso e quello che ha detto che strideva, su quel palco – scriveva la Barra sempre su Instagram – Io ho espresso un giudizio sul contenuto del suo monologo per il quale mi sono sentita presa in giro per la mancanza di onestà”.

Diletta Leotta in sauna: il video fa il giro del web

“Ed è anche il mio lavoro. Se sei un personaggio pubblico e comunichi qualcosa non puoi aspettarti assenza di critica. Ripeto: se vuoi essere la protagonista di un momento di tv verità devi dirla fino in fondo con coraggio, la tua verità. E lo fai con il tuo esempio, non solo con le tue parole. Per me quando si raccontano storie personali non si può delegare agli autori la responsabilità della propria commozione. Altrimenti si chiama affabulazione”.

Visualizza questo post su Instagram

Per la mamma di Diletta Leotta alcune donne che “contano” avrebbero attaccato sua figlia perché motivate dall’odio verso altre donne. Per altri casi non posso parlare. Io parlo per me: non ho mai preso in giro nessuno o offeso. Non ho pubblicato la foto dei presunti “prima e dopo” per evidenziare i ritocchi chirurgici, ridicolizzando Diletta (il punto infatti non è se sia giusto o meno ricorrere alla chirurgia estetica!). Non ho attaccato lei, mai, anzi! Quante volte l’ho difesa anche in televisione. Io, proprio io, che ovunque esprimo solidarietà a chi si mostra libera, fiera di ciò che è. Appunto, di ciò che si è. Ad esempio, Diletta mostra il suo corpo sui social esponendosi a commenti di ogni sorta e se ne infischia. Commenti violenti, volgari . Inevitabili o meno, non è ciò che conta. Ma è proprio la mancanza di coerenza e di corrispondenza fra ciò che ha sempre mostrato e trasmesso e quello che ha detto che strideva, su quel palco. Io ho espresso un giudizio sul contenuto del suo monologo per il quale mi sono sentita presa in giro per la mancanza di onestà. Ed è anche il mio lavoro. Se sei un personaggio pubblico e comunichi qualcosa non puoi aspettarti assenza di critica. Ripeto: se vuoi essere la protagonista di un momento di tv verità devi dirla fino in fondo con coraggio, la tua verità. E lo fai con il tuo esempio, non solo con le tue parole. Per me quando si raccontano storie personali non si può delegare agli autori la responsabilità della propria commozione. Altrimenti si chiama affabulazione. #sanremo #dilettaleotta

Un post condiviso da Francesca Barra (@francescabarra1) in data:

Leggi anche:

Sanremo, la bellezza capita, ma anche il dito sul telecomando per cambiare canale quando parla Diletta Leotta

Sanremo 2020, gli abiti di Diletta Leotta per la finale del Festival: stilista e curiosità

32
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.