Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Spettacoli

Il film “Sulla mia pelle” dedicato a Stefano Cucchi ha fatto arrabbiare la polizia

Immagine di copertina
Una scena del film "Sulla mia pelle" di Alessandro Cremonini

"Fango su di noi senza prove", così il corpo di polizia ha commentato il successo del film dedicato al caso Cucchi

Alla 75esima edizione della Mostra internazionale del cinema di Venezia è stato presentato il documentario Sulla mia pelle, sugli ultimi 7 giorni di vita di Stefano Cucchi. Qui TPI ha ricostruito tutta la sua storia.

Il film ha già provocato la reazione della polizia, diversi sindacati infatti l’hanno ritenuto un affronto.

Diretto da Alessio Cremonini e interpretato da Alessandro Borghi “Sulla mia pelle” ricostruisce il caso di Stefano Cucchi che è probabilmente il più noto tra quelle riguardanti i presunti abusi delle forze dell’ordine in carcere, grazie alla battaglia portata avanti dalla sorella Ilaria (TPI l’ha intervistata qui).

Nonostante il regista abbia più volte ribadito che lo scopo del film è quello di “raccontare e non giudicare”, le forze dell’ordine si sono infuriate.

Il Cocer, il “sindacato” dei carabinieri ha dichiarato che con un processo ancora in corso “ci sarebbe da indignarsi se si accertasse che il film è stato prodotto con il contributo dello Stato.”

Gianni Tonelli, parlamentare della Lega, ex segretario del Sindacato Autonomo di Polizia (Sap), ha protestato in un’intervista al quotidiano Il Tempo: “Mi chiedo: si può mandare in mezzo mondo un film che dà allo spettatore un’idea non suffragata da sentenze?”.

“Ed è vero che lo Stato ha finanziato il film con 600mila euro? (confermata al Tempo dal produttore) È questa la cultura italiana da esibire in una mostra internazionale? Io non mi farò intimidire, e da parlamentare andrò in fondo a questa storia.”

Anche il presidente di FSP Polizia di Stato Franco Maccari e quello del Sappe (sindacato di polizia penitenziaria) Donato Capece sono della stessa idea: “nessuno deve più aprire o sollevare sospetti, ci aspettiamo da anni scuse che ancora non arrivano”.

Maccari ha aggiunto: “È impossibile contenere o sdegno per l’ennesima storia di ordinaria criminalizzazione di chi veste una divisa. A quando un film sul carabiniere Giangrande ferito a Palazzo Chigi? O sui poliziotti uccisi dal terrorismo rosso? A quando un film, pagato dallo Stato, sugli eroi in divisa? Basta con le gogne, le piaghe e le cicatrici che tanti appartenenti alle Forze dell’Ordine portano a vita ‘sulla loro pelle'”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI