Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 16:15
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Spettacoli » Musica

Robbie Williams confessa: “Ho rischiato di essere decapitato”

Immagine di copertina

Robbie Williams confessa: “Ho rischiato di essere decapitato”

Robbie Williams era impegnato in una missione umanitaria ad Haiti con la moglie Ayda Field tempo fa, ma soltanto adesso ha confessato di aver rischiato la morte. L’ex membro dei Take That, ormai solista da anni, ha dichiarato di aver rischiato di essere decapitato mentre era impegnato ad aiutare i bambini di Haiti che avevano perso ogni certezza in seguito al devastante terremoto (magnitudo 7.0) che aveva messo in ginocchio il paese nel 2010. Dei briganti avevano minacciato di decapitarlo perché si era trovato nel posto sbagliato al momento sbagliato. “Eravamo ad Haiti”, ha raccontato il cantante, “per aiutare i bambini e hanno minacciato di tagliarci la testa. È stata una cosa del tipo “dobbiamo cambiare strada?” e ripensandoci adesso, è stato davvero spaventoso”. La stessa minaccia è stata rivolta anche alla moglie, che era con lui all’epoca. I due infatti avevano accolto l’appello dell’Unicef e avevano raggiunto il paese caraibico scosso dal terremoto per un viaggio umanitario della durata di quattro giorni che avrebbe potuto costare loro tutto.

Ma non tutto il male vien per nuocere. In seguito a quell’episodio, Robbie Williams ha capito di voler diventare padre: oggi ha quattro figli, due femmine (Teddy di 7 e Coco di 21 mesi) e due maschi (Charlton di 5 anni e Beau di 4 mesi). “Quando vai in un posto come Haiti, ti viene normale sentire la necessità di aiutare gli altri  È terribile quello che è successo in quel posto e lavorare con i bambini, stare con loro, vedere la loro sofferenza, mi ha fatto venire voglia di avere dei figli”.

Leggi anche:

1. Robbie Williams provoca il vicino di casa Jimmy Page: Pink Floyd, Deep Purple e Black Sabbat a tutto volume / 2. Robbie Williams: “Non sono uscito di casa per tre anni per colpa dell’ansia” / 3. Robbie Williams fa il dito medio in mondovisione alla cerimonia di apertura dei Mondiali di calcio 2018

Ti potrebbe interessare
Musica / Morto Charlie Watts, batterista dei Rolling Stones
Musica / Il cantante degli Ex Otago: “Devo ritrovare serenità”
Musica / De Gregori difende Salmo: “Gli sono grato. Ingiuste le limitazioni per i concerti”
Ti potrebbe interessare
Musica / Morto Charlie Watts, batterista dei Rolling Stones
Musica / Il cantante degli Ex Otago: “Devo ritrovare serenità”
Musica / De Gregori difende Salmo: “Gli sono grato. Ingiuste le limitazioni per i concerti”
Musica / Salmo: “Ecco perché ho fatto il concerto contro le regole. Fedez, mi stai sul c**zo”
Musica / “Promuovi La Tua Musica”, il 12 settembre a Roma la prima tappa del contest
Musica / Justin Bieber scrive a Simone Biles: “So cosa significa guadagnare il mondo ma perdere la propria anima”
Musica / Rovazzi ha perso il tocco magico
Musica / I Maneskin sono primi al mondo su Spotify: su Instagram le loro foto da bambini
Musica / Antonello Venditti: “Io, bullizzato fino ai 16 anni, ho pensato al suicidio. Il ddl Zan ce l’ho dentro”
Musica / Riccardo Muti: “Sono stanco della vita. Dal MeToo alla musica, non è più il mio mondo”