Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:20
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Spettacoli » Musica

È morta Vera Lynn, “ispirò” la Regina, Kubrick e i Pink Floyd

 

Si è spenta all’età di 103 anni Vera Lynn, celebre cantante britannica citata ultimamente dalla Regina Elisabetta. Nel discorso dello scorso aprile, durante la fase peggiore della pandemia, Sua Maestà aveva detto: “Dobbiamo consolarci che mentre potremmo avere ancora molto da sopportare, torneranno giorni migliori: saremo di nuovo con i nostri amici; saremo di nuovo con le nostre famiglie; ci rincontreremo”. L’ultimo passaggio – in lingua originale – suonava: “We will meet Again”, così come il titolo della più famosa canzone interpretata dalla celebre cantante britannica.

Vera Lynn – nata a Londra il 20 marzo del 1917 come Vera Margaret Welch – aveva debuttato nel 1935. Negli anni della seconda guerra mondiale fu chiamata “il tesoro delle truppe”, perché la sua voce teneva compagnia ai soldati inglesi impegnati al fronte. Il suo brano simbolo – “We will meet again” – divenne l’inno non ufficiale dei soldati che speravano di rincontrare i loro cari finita la guerra. La Regina aveva usato la stessa frase per dare un messaggio di speranza al suo popolo.

Stanley Kubrick scelse il brano di Vera Lynn come colonna sonora dell’immortale “Il dottor Stranamore – Ovvero: come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba”, film del 1964. Mentre nel capolavoro del 1979 dei Pink Floyd, “The Wall”, Roger Waters scelse di dedicarle il brano “Vera” che recita: “does anybody here remember Vera Lynn? Remember how she said that we would meet again some sunny day?”, ovvero: “Qualcuno qui si ricorda di Vera Lynn? Ricorda di come disse che un giorno ci saremmo rincontrati in un giorno di sole?”, brano che insieme a “Bring the Boys Back Home”, anticipa la celeberrima “Comfortably Numb” e servì a Roger Waters per ricordare il padre morto dopo lo sbarco delle truppe alleate ad Anzio durante la Seconda Guerra Mondiale.

LEGGI ANCHE:  5 sequenze musicali per ricordare Stanley Kubrick/ 2.  Il messaggio di Roger Waters dei Pink Floyd che ieri non è stato mandato in onda a Sanremo

Ti potrebbe interessare
Musica / La crisi di Bono Vox: “Le canzoni degli U2 mi imbarazzano. Il nome della band? Mai piaciuto”
Musica / Luca Maris su MTV Germany
Musica / Nuovo record per i Maneskin: sono gli italiani più ascoltati al mondo
Ti potrebbe interessare
Musica / La crisi di Bono Vox: “Le canzoni degli U2 mi imbarazzano. Il nome della band? Mai piaciuto”
Musica / Luca Maris su MTV Germany
Musica / Nuovo record per i Maneskin: sono gli italiani più ascoltati al mondo
Musica / I Maneskin aprono il concerto dei Rolling Stones e infiammano Las Vegas
Musica / Fedez, spopola il video “Morire, morire” in cui viene pestato da fascisti e pugnalato da un prete
Costume / Orietta Berti a TPI: “Mi vogliono tutti perché faccio audience”
Musica / Morto Charlie Watts, batterista dei Rolling Stones
Musica / Il cantante degli Ex Otago: “Devo ritrovare serenità”
Musica / De Gregori difende Salmo: “Gli sono grato. Ingiuste le limitazioni per i concerti”
Musica / Salmo: “Ecco perché ho fatto il concerto contro le regole. Fedez, mi stai sul c**zo”