Me

Mahmood al Parlamento Europeo, fonte d’ispirazione per i giovani “che vogliono metterci la faccia”

Ospite al Parlamento Europeo in vista del suo tour, il vincitore di Sanremo punta ai giovani

Di Marco Nepi
Pubblicato il 22 Ott. 2019 alle 21:31 Aggiornato il 22 Ott. 2019 alle 21:31
Immagine di copertina

Mahmood al Parlamento Europeo vuole rappresentare i giovani “che mettono la faccia”

Mahmood, vincitore dell’edizione 2019 del Festival di Sanremo e secondo classificato all’Eurovision di Tel Aviv, approda con la sua musica al Parlamento europeo.

“Spero di rappresentare, nel mio piccolo, giovani come me che vogliono metterci la faccia e interessarsi a problemi politici, come quello del clima, che mi sta molto a cuore”, ha raccontato ai giornalisti nella sua visita oggi pomeriggio, 23 ottobre 2019, a Strasburgo dove questa sera si esibirà all’interno dell’evento Friends of Music.

Il cantante si è concesso a selfie con alcuni eurodeputati oltre che ai fan incontrati lungo i corridoi dell’Eurocamera.

“Sono molto felice di essere qui oggi a dare un piccolo contributo. Non so se qualche cantante italiano della mia età sia mai venuto qui a dare un contributo al Parlamento”, ha precisato il vincitore di Sanremo”, mentre ai giovani che come lui vogliono fare musica e farsi una strada in questo mondo artistico ha consigliato di “non porsi mai dei limiti. Perché negli anni precedenti io me ne sono posti parecchi”.

Mahmood, al via il tour estero

Domani inizia il suo tour estero. “Spero di tornare fra due settimane a casa mia con un bagaglio culturale bello gonfio”, ha poi aggiunto precisando che “i giovani che lo hanno scelto non l’hanno fatto per la mia origine, ma per la musica che faccio, perché nelle canzoni che scrivo ci metto tutto me stesso e racconto il mio punto di vista con il mio stile”.

“Credo che chi ama la musica prima si interessa del lato artistico e credo che il lato personale, delle origine ecc…, venga in maniera secondaria”, ha poi concluso il cantante.