Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 11:29
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Spettacoli » Musica

John Frusciante è tornato nel gruppo: l’annuncio dei Red Hot Chili Peppers

Immagine di copertina

John Frusciante è tornato nel gruppo: l’annuncio dei Red Hot Chili Peppers

John Frusciante, ex chitarrista dei Red Hot Chili Peppers, torna nel gruppo. La notizia in poche ore ha fatto il giro del web e ha mandato i fan della storica band rock statunitense in visibilio. Ad annunciarlo sono stati gli stessi Red Hot con un post su Instagram ieri, domenica 15 dicembre 2019, spiegando che il chitarrista Josh Klinghoffer, membro del gruppo musicale dal 2009, è uscito e ha lasciato il posto a un grande e atteso ritorno.

“Josh è un grande musicista che adoriamo e rispettiamo. Siamo profondamente grati per il tempo trascorso assieme e per i tanti talenti che ha condiviso con noi”, ha scritto la band composta da Anthony Kiedis, Flea e Chad Smith. Per poi dare la notizia più importante: “Con grande entusiasmo, annunciamo che John Frusciante sta tornando nel gruppo”.

John Frusciante è dunque nuovamente un membro della rock band e salirà sul palco dei concerti finora annunciati dai Red Hot Chili Peppers: l’agenda 2020, infatti, vede per loro due tappe negli States – il 15 maggio saranno all’Hangout Festival di Gulf Shores e il 24 maggio in Alabama al Boston Calling – e una in Italia, al Firenze Rocks (13 giugno 2019).

Per il chitarrista si tratta della terza volta con il gruppo statunitense, dopo le prime due esperienze tra il 1988 e il 1992 e tra il 1998 e il 2009. Due esperienze che hanno portato alla partecipazione di Frusciante in cinque dischi dei Red Hot, quelli contenenti i brani che hanno riscosso il maggiore successo: parliamo infatti di Blood Sugar Sex Magic, disco che portò la band alla fama nel lontano 1991, e di Californication (1999), il quale contiene il brano vincitore del Grammy per la miglior canzone rock del 2000, Scar Tissue. Senza dimenticare che il chitarrista ha partecipato anche alla registrazione di altri grandi successi della band come By the Way (2002) o Stadium Arcadium (2006). In seguito l’artista aveva proseguito la sua carriera da solista e, ora, il grande ritorno tra i suoi ex colleghi.

Ti potrebbe interessare
Musica / Rovazzi ha perso il tocco magico
Musica / I Maneskin sono primi al mondo su Spotify: su Instagram le loro foto da bambini
Musica / Antonello Venditti: “Io, bullizzato fino ai 16 anni, ho pensato al suicidio. Il ddl Zan ce l’ho dentro”
Ti potrebbe interessare
Musica / Rovazzi ha perso il tocco magico
Musica / I Maneskin sono primi al mondo su Spotify: su Instagram le loro foto da bambini
Musica / Antonello Venditti: “Io, bullizzato fino ai 16 anni, ho pensato al suicidio. Il ddl Zan ce l’ho dentro”
Musica / Riccardo Muti: “Sono stanco della vita. Dal MeToo alla musica, non è più il mio mondo”
Musica / Il successo inarrestabile dei Maneskin: sono primi nella classifica hard rock Usa
Musica / Mark Hoppus dei Blink-182 rivela di avere il cancro: “Fa schifo e ho paura”
Musica / Bugo e Morgan finiscono in tribunale dopo il caso Sanremo: “Illecito modificare il testo di Sincero”
Musica / Nuova grana per il rapper Chris Brown, l’ex di Rihanna “ha colpito una donna”
Musica / Maneskin, le foto dei genitori di Damiano David svelano a chi somiglia davvero
Musica / L’ultima poesia di Michele Merlo: i genitori diffondono un videomessaggio in suo ricordo