Me

È morto il papà di Cesare Cremonini. “Non smetterò mai di pensarti e cantarti, perché con te il mondo era più bello”

Il cantautore emiliano ha dedicato al papà un lungo messaggio di addio sul suo profilo social. Giovanni Cremonini aveva 94 anni ed era medico di base a San Lazzaro, in provincia di Bologna

Di Valeria Sforzini
Pubblicato il 18 Set. 2019 alle 20:17 Aggiornato il 18 Set. 2019 alle 20:43
Immagine di copertina
Cesare Cremonini in una foto caricata sul suo profilo Instagram. Credits: @cesarecremonini

Morto il papà di Cesare Cremonini

È morto Giovanni Cremonini, il papà del cantante Cesare Cremonini.

Il padre del celebre cantante si è spento lunedì sera, 16 settembre, a san Lazzaro, in provincia di Bologna.

“I tuoi pazienti sono stati i tuoi figli e sono orgoglioso di essermi sentito pari a loro” ha scritto l’artista sul suo profilo Instagram, che ha dedicato al papà una dedica in suo ricordo.

Giovanni Cremonini aveva 94 anni. Nato a Sant’Agata Bolognese, ha lavorato a San Lazzaro come medico di famiglia e nutrizionista fin dagli anni ’50, passando la sua vita al servizio degli altri, al punto da guadagnarsi una targa affissa sul municipio della città. “Il dottor Giovanni“: lo chiamavano tutti così nel comune di San Lazzaro.

È stato l’ex sindaco del comune a conferirgli una targa in occasione del suo novantesimo compleanno per “l’impegno a favore della comunità locale”. Mentre l’attuale primo cittadino, Ilaria Conti, intitolò a suo nome la sala Principale della Casa della Salute di San Lazzaro.

“Era umile e aveva un enorme spirito di abnegazione, per non parlare del suo ottimismo contagioso” ha detto la sindaca al Resto del Carlino. “Credo che tutti i giovani medici dovrebbero prenderlo ad esempio, quello di medico, per lui, non era un lavoro, ma una missione, sapeva accogliere le persone e ascoltarle, oltre che curarle”.

La dedica di Cesare Cremonini al papà morto

Sul profilo Instagram di Cesare Cremonini, il cantautore emiliano ha pubblicato un video con i filmini della sua infanzia. Spezzoni che lo riprendono il braccio al papà, o assieme al fratello Vittorio.

Nella didascalia, una lunga dedica al babbo.

“Eri nostro padre, mio e di mio fratello Vittorio, ma anche “al dutåur”, il dottore, per tutti gli altri. Scegliesti un angolo del mondo per cominciare. Un posto dove nessuno prima di allora aveva mai visto un medico. E dopo tutta una vita dedicata agli altri, hai visto? Oggi in tantissimi vogliono dirti grazie”. Scrive riferendosi alle centinaia di messaggi che hanno invaso le pagine social del cantante”.

Chi lo conosceva lo ricorda come un “medico di una volta: un sorriso per i pazienti, una pacca sulle spalle e un rapporto umano”. Riporta il Resto del Carlino. Il papà del musicista e cantautore Cesare e di suo fratello Vittorio era per tutti il medico di famiglia capace di ascoltare e di instaurare legami autentici.

Dentro il Rojava, guerra di Siria

“Al posto mio avresti di sicuro smorzato l’emozione con uno dei tuoi proverbi. I tuoi pazienti sono stati i tuoi figli e io sono orgoglioso di essermi sentito pari a loro“. Continua Cremonini. “Da ogni visita notturna tornavi con un regalo per me e mio fratello, e mi raccontavi chi erano le persone che avevi guarito. Ci hai insegnato così il valore dell’uguaglianza e della gratitudine nel fare parte di una comunità”

Nel messaggio rivolto al papà, Cesare Cremonini lo ricorda al suo fianco nella sua carriera musicale.

Mi hai visto partire da un pianoforte più alto di me, appoggiato a un muro di casa, dove mi chiedevi di suonare la sera per toglierti la stanchezza, e mi hai visto arrivare dove ho sempre sognato. Non smetterò mai di pensarti e cantarti, perché con te il mondo era più bello. Ma se una canzone che stia al posto tuo non c’è, eccola qua. È come se fossi con me. Ciao babbo”. La dedica è firmata da entrambi i figli di Giovanni Cremonini: Cesare e Vittorio.

cesare cremonini papà morto
Il video pubblicato dall’artista sui social Credits: @Cesarecremonini

Solo qualche mese fa, Cesare Cremonini aveva parlato in un’intervista dell’ictus avuto dal padre. “Qualche anno fa mio padre ebbe un ictus davanti a me, a cena. Stavamo passando una bella serata in due in Piazza Santo Stefano, una delle più belle cartoline di Bologna, quando le sue parole cominciarono a cadere sul tavolo”.

Poi la descrizione della corsa disperata in ospedale, fino all’intervento e la guarigione.

L’ultima foto con il padre pubblicata dal cantautore emiliano risale all’ultimo Natale. Nella fotografia, Cesare è in compagnia del padre, che per l’occasione indossa un cappello da babbo Natale.

Dentro il Rojava, guerra di Siria

Nella didascalia, un augurio personale da parte dell’ex frontman dei Lunapop e della sua famiglia. “Quando il tuo babbo è proprio il Natale in persona”. Ha scritto sotto al post, per poi aggiungere: “Non ho mai conosciuto una persona più seria e ironica del dott. Giovanni Cremonini”.

Cremonini: “I rapper di oggi si vantano con 5 rolex al polso… Vorrei dirgli com’è vendere 1 milione di copie a 18 anni”