Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:07
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Spettacoli » Cinema

Venezia 78, è l’anno buono per far tornare il Leone d’Oro in Italia

Immagine di copertina
Un fermo immagine del nuovo cortometraggio al centro di una campagna di comunicazione realizzata dal ministero della Cultura con Anica, Anec e Cinecittà per invitare gli italiani a tornare in sala in sicurezza lanciata alla vigilia dell'inaugurazione della 78/a Mostra di Venezia. Credit: ANSA/MINISTERO DELLA CULTURA

“It’s coming home”. Scaramanzia vorrebbe che questa frase non venisse pronunciata prima del tempo. Però possiamo serenamente affermare che quest’anno potrebbe essere quello giusto per far tornare il Leone d’Oro in Italia. Manca dal 2013 quando vinse Gianfranco Rosi con “Sacro Gra”. E sì, perché tra i 21 contendenti della 78esima Mostra del Cinema di Venezia diretta da Alberto Barbera (1-11 settembre), ben 5 pellicole battono bandiera tricolore, cosa che non accade da quasi quarant’anni.

In prima fila ci sono senza dubbio Sorrentino e Martone. Per il primo, già premio Oscar con “La grande bellezza”, si tratta di un debutto in Concorso, un ritorno in Laguna esattamente 20 anni dopo il suo film d’esordio, “L’uomo in più”. Il suo “È stata la mano di Dio” è un racconto intimo, la storia della sua gioventù, ambientata nella tumultuosa Napoli degli anni Ottanta, e verrà proiettato in Sala Grande il 2 settembre alle 19,15. Protagonisti il giovane Filippo Scotti nei panni proprio di Paolo Sorrentino, con Toni Servillo, Teresa Saponangelo, Marlon Joubert, Luisa Ranieri, Renato Carpentieri, Massimiliano Gallo. Dopo l’anteprima veneziana andrà in alcune sale selezionate il 24 novembre e poi su Netflix dal 15 dicembre.

L’altro, è invece un habitué della gara, perché tra il 2014 e il 2019 ha già portato in concorso tre film: “Il giovane favoloso”, “Capri-Revolution” e “Il Sindaco del Rione Sanità”. Mario Martone quest’anno porta “Qui rido io” (in programma martedì 7 al festival e da giovedì 9 nei cinema), basato sulla vita del grande commediografo Eduardo Scarpetta e interpretato da Toni Servillo, Maria Nazionale, Cristiana Dell’Anna, Antonia Truppo, Eduardo Scarpetta, Roberto De Francesco.

Outsider “Freaks Out” di Gabriele Mainetti con Claudio Santamaria, Pietro Castellitto e Giorgio Tirabassi (8 settembre), che racconta di fenomeni da circo che cercano una via di fuga dalla Roma del ’43 occupata dai Nazisti, e “America Latina” dei fratelli Fabio e Damiano D’Innocenzo con Elio Germano (9 settembre) per una storia d’amore ambientata nella loro Latina. Chiude la lista dei nostrani “Il buco” di Michelangelo Frammartino (3 settembre), che ripercorre la storia di un gruppo di speleologi che negli Anni ’60 esplorò la grotta più profonda d’Europa, nel Parco del Pollino in Calabria.

Questi titoli se la vedranno con gli altri in gara, tra i più attesi “Spencer” di Pablo Larraín, “The Card Counter” di Paul Schrader, “Un autre monde” di Stéphane Brizé e “Competencia Oficial” di Gastón Duprat e Mariano Cohn, oltre al film d’apertura “Madres Paralelas” di Pedro Almodóvar che sarà anticipato dalla cerimonia condotta dalla madrina Serena Rossi con la consegna del Leone d’Oro alla carriera a Roberto Benigni.

Cinque le donne registe in concorso: Jane Campion con “The Power of the Dog”, Ana Lily Amirpour con “Mona Lisa and the Blood Moon”, Audrey Diwan con “L’évènement”, poi Maggie Gyllenhaal con l’opera prima “The Lost Daughter” e Natasha Merkulova che codirige con Aleksey Chupov “Captain Volkonogov Escaped”.

Dopo un anno di sosta causa di forza maggiore, torneranno a calcare il red carpet le grandi star internazionali presenti nella nutrita selezione Fuori Concorso. “Dune” di Denis Villeneuve è senza dubbio il più atteso grazie a un cast di superstar: Timothée Chalamet, Rebecca Ferguson, Oscar Isaac, Josh Brolin, Stellan Skarsgård, Jason Momoa, Javier Bardem. Ci sono anche “Halloween Kills” di David Gordon Green con Jamie Lee Curtis (che riceverà anche il Leone d’Oro alla carriera l’8 settembre), il nuovo kolossal in costume di Ridley Scott, “The Last Duel” interpretato da Matt Damon, Adam Driver e Ben Affleck, “List Night in Soho” di Edgar Wright, e tra gli italiani “Il bambino nascosto” di Roberto Andò (film di chiusura del Festival) e “Ariaferma” di Leonardo Di Costanzo, entrambi con protagonista Silvio Orlando, e il documentario “Ennio” di Giuseppe Tornatore sul grande Morricone.

E allora non resta che, muniti di Green Pass e mascherina, sfogliare il programma (consultabile su www.labiennale.org/it/cinema/2021) per scoprire quale delle 12 sale proietta l’anteprima più interessante.

In chiusura azzardo una previsione: Sorrentino vincitore come l’Argentina di Maradona nel 1986. D’altronde in entrambi i casi… “È stata la mano di Dio”.

Ti potrebbe interessare
Cinema / Cannes, donna in topless sul red carpet per protesta contro gli stupri in Ucraina | VIDEO
Cinema / Festival di Cannes, il film d’apertura toglie la “Z” dal titolo dopo le proteste ucraine
Cinema / Sundown, in esclusiva su TPI una clip del film di Michel Franco
Ti potrebbe interessare
Cinema / Cannes, donna in topless sul red carpet per protesta contro gli stupri in Ucraina | VIDEO
Cinema / Festival di Cannes, il film d’apertura toglie la “Z” dal titolo dopo le proteste ucraine
Cinema / Sundown, in esclusiva su TPI una clip del film di Michel Franco
Cinema / "La polizia era pronta ad arrestare Will Smith": la rivelazione del produttore della notte degli Oscar
Cinema / “Sono disgustato”: la durissima reazione di Jim Carrey allo schiaffo di Will Smith
Cinema / “Sono fiera di come sia fatto mio figlio”: la madre di Will Smith commenta lo schiaffo agli Oscar
Cinema / “È una vita che lotto per non sentirmi un codardo”: cosa si nasconde dietro lo schiaffo di Will Smith a Chris Rock
Cinema / Le prime parole di Jada Pinkett dopo lo schiaffo di Will Smith a Chris Rock
Cinema / Lunana: in anteprima su TPI una clip del film candidato agli Oscar in uscita il 31 marzo
Cinema / “Will Smith è malato di mente”: la pesantissima accusa nei confronti dell’attore dopo lo schiaffo agli Oscar