Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:37
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Spettacoli » Cinema

Oscar 2022, l’Academy dopo il pugno di Will Smith: “No alla violenza”. L’attore ora può perdere la statuetta: ecco perché

Immagine di copertina

L’Academy condanna il pugno di Will Smith: ecco perché può perdere l’Oscar

“No alla violenza”: è la reazione dell’Academy al pugno sferrato da Will Smith al collega Chris Rock durante la cerimonia degli Oscar. Ma c’è di più: secondo i media statunitensi l’interprete potrebbe perdere la statuetta conquistata proprio nella notte tra domenica 27 e lunedì 28 marzo per il ruolo di Miglior attore protagonista nella pellicola King Richard – Una famiglia vincente.

Dopo il gesto eclatante di Will Smit, che ha dato un pugno a Chris Rock dopo che quest’ultimo aveva fatto una battuta sulla moglie, l’Academy ha fatto sapere sui social di non perdonare “la violenza in nessuna forma”.

“Stasera siamo lieti di celebrare i nostri 94° premio Oscar, che meritano questo momento di riconoscimento da parte dei loro coetanei e amanti del cinema di tutto il mondo” si legge ancora sul profilo Twitter dell’Academy.

Secondo i media, però, il gesto di Will Smith potrebbe avere delle conseguenze. Nonostante le scuse, arrivate tra le lacrime proprio nel momento in cui l’attore ha ritirato l’ambita statuetta, l’interprete potrebbe perdere il suo Oscar per aver violato il codice di condotta dell’Academy.

Il codice di condotta istituito dall’Academy nel 2017, infatti, chiede ai membri di “comportarsi in modo etico, onorando i valori del rispetto della dignità umana, dell’inclusione e di un ambiente che sia di supporto alla creatività”.

“Nell’Academy non c’è posto per persone che abusano del loro status, del loro potere o della loro influenza in un modo che viola gli standard di decenza. L’Academy è categoricamente contro ogni forma di abuso, molestie o discriminazioni sulla base del genere, dell’orientamento sessuale, della razza, dell’etnia, della disabilità, dell’età, della religione o della nazionalità” dichiarò nel 2018 Dawn Hudson, amministratore delegato dell’Accademia delle arti e delle scienze cinematografiche.

Ti potrebbe interessare
Cinema / Cannes, donna in topless sul red carpet per protesta contro gli stupri in Ucraina | VIDEO
Cinema / Festival di Cannes, il film d’apertura toglie la “Z” dal titolo dopo le proteste ucraine
Cinema / Sundown, in esclusiva su TPI una clip del film di Michel Franco
Ti potrebbe interessare
Cinema / Cannes, donna in topless sul red carpet per protesta contro gli stupri in Ucraina | VIDEO
Cinema / Festival di Cannes, il film d’apertura toglie la “Z” dal titolo dopo le proteste ucraine
Cinema / Sundown, in esclusiva su TPI una clip del film di Michel Franco
Cinema / "La polizia era pronta ad arrestare Will Smith": la rivelazione del produttore della notte degli Oscar
Cinema / “Sono disgustato”: la durissima reazione di Jim Carrey allo schiaffo di Will Smith
Cinema / “Sono fiera di come sia fatto mio figlio”: la madre di Will Smith commenta lo schiaffo agli Oscar
Cinema / “È una vita che lotto per non sentirmi un codardo”: cosa si nasconde dietro lo schiaffo di Will Smith a Chris Rock
Cinema / Le prime parole di Jada Pinkett dopo lo schiaffo di Will Smith a Chris Rock
Cinema / Lunana: in anteprima su TPI una clip del film candidato agli Oscar in uscita il 31 marzo
Cinema / “Will Smith è malato di mente”: la pesantissima accusa nei confronti dell’attore dopo lo schiaffo agli Oscar