Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:07
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Spettacoli » Cinema

Oscar 2022, l’Academy dopo il pugno di Will Smith: “No alla violenza”. L’attore ora può perdere la statuetta: ecco perché

Immagine di copertina

L’Academy condanna il pugno di Will Smith: ecco perché può perdere l’Oscar

“No alla violenza”: è la reazione dell’Academy al pugno sferrato da Will Smith al collega Chris Rock durante la cerimonia degli Oscar. Ma c’è di più: secondo i media statunitensi l’interprete potrebbe perdere la statuetta conquistata proprio nella notte tra domenica 27 e lunedì 28 marzo per il ruolo di Miglior attore protagonista nella pellicola King Richard – Una famiglia vincente.

Dopo il gesto eclatante di Will Smit, che ha dato un pugno a Chris Rock dopo che quest’ultimo aveva fatto una battuta sulla moglie, l’Academy ha fatto sapere sui social di non perdonare “la violenza in nessuna forma”.

“Stasera siamo lieti di celebrare i nostri 94° premio Oscar, che meritano questo momento di riconoscimento da parte dei loro coetanei e amanti del cinema di tutto il mondo” si legge ancora sul profilo Twitter dell’Academy.

Secondo i media, però, il gesto di Will Smith potrebbe avere delle conseguenze. Nonostante le scuse, arrivate tra le lacrime proprio nel momento in cui l’attore ha ritirato l’ambita statuetta, l’interprete potrebbe perdere il suo Oscar per aver violato il codice di condotta dell’Academy.

Il codice di condotta istituito dall’Academy nel 2017, infatti, chiede ai membri di “comportarsi in modo etico, onorando i valori del rispetto della dignità umana, dell’inclusione e di un ambiente che sia di supporto alla creatività”.

“Nell’Academy non c’è posto per persone che abusano del loro status, del loro potere o della loro influenza in un modo che viola gli standard di decenza. L’Academy è categoricamente contro ogni forma di abuso, molestie o discriminazioni sulla base del genere, dell’orientamento sessuale, della razza, dell’etnia, della disabilità, dell’età, della religione o della nazionalità” dichiarò nel 2018 Dawn Hudson, amministratore delegato dell’Accademia delle arti e delle scienze cinematografiche.

Ti potrebbe interessare
Cinema / Morto Luis Molteni: l’attore era considerato il Danny DeVito italiano
Cinema / Torna “Moviemov”, il cinema italiano alla conquista di Bangkok
Cinema / Mary Poppins non è più un film per tutti. In Gran Bretagna vietato ai minori di 12 anni per “linguaggio discriminatorio”
Ti potrebbe interessare
Cinema / Morto Luis Molteni: l’attore era considerato il Danny DeVito italiano
Cinema / Torna “Moviemov”, il cinema italiano alla conquista di Bangkok
Cinema / Mary Poppins non è più un film per tutti. In Gran Bretagna vietato ai minori di 12 anni per “linguaggio discriminatorio”
Cinema / Ghost Detainee – Il caso Abu Omar: in esclusiva su TPI una clip del docufilm nelle sale dal 5 febbraio
Cinema / È morta Sandra Milo, l’attrice e conduttrice aveva 90 anni
Cinema / Lady Gaga vuole acquistare i diritti di “C’è ancora domani” di Paola Cortellesi per farne un remake Usa
Cinema / Oscar, la rabbia di Ryan Gosling per la mancata nomination di Margot Robbie: “Dire che sono deluso è un eufemismo”
Cinema / È morto Gary Graham, attore di “Star Trek” e “Alien Nation”: aveva 73 anni
Cinema / “Io capitano” di Matteo Garrone entra fra i 5 candidati all’Oscar come miglior film straniero
Cinema / Nomination Oscar 2024: Oppenheimer fa il pieno di candidature, Margot Robbie fuori dalla cinquina delle migliori attrici