Covid ultime 24h
casi +17.012
deceduti +141
tamponi +124.686
terapie intensive +76

“Herzog incontra Gorbaciov”: in anteprima la clip del nuovo documentario del regista cult

Dal 19 al 22 gennaio, il documentario arriva nelle sale italiane per raccontare la storia dell'ex capo dello stato sovietico, tra vita politica e privata

Di Cristina Migliaccio
Pubblicato il 14 Gen. 2020 alle 10:15 Aggiornato il 14 Gen. 2020 alle 16:51
295

Herzog incontra Gorbaciov, la clip in esclusiva a TPI del documentario di Werner Herzog e Singer

Herzog incontra Gorbaciov, il documentario che presto arriverà in sala si presenta in una clip esclusiva a TPI. Il documentario, realizzato da Werner Herzog e André Singer, sarà distribuito nelle sale italiane dal 19 al 22 gennaio 2020 e racconterà la storia dell’ultimo presidente dell’Unione sovietica e premio Nobel per la pace, Mikhail Gorbaciov.

Ma sarà proprio Gorbaciov a raccontarsi. L’ex capo dello stato sovietico, a 88 anni, ripercorre insieme al regista (grande nome del cinema) i momenti salienti della sua vita politica (dal 1985 al 1991) e privata.

Herzog incontra Gorbaciov, Un maestro del cinema e un gigante della politica

Questo documentario è inteso come un testamento morale ed esistenziale nella sua forma più autentica. Tramite eccezionali immagini d’archivio, unite a interviste esclusive, il film racconta la vita di quest’uomo con umorismo, curiosità storiche e vicende talvolta sconosciute.

Dalla sinossi: dall’infanzia contadina agli studi presso l’Università di Mosca, fino alla rapida ascesa nelle fila del Partito Comunista Sovietico, il documentario è un viaggio tra ricordi, materiali d’archivio e testimonianze d’eccezione che consentono, così, di ripercorrere le tappe salienti della politica degli ultimi decenni.

Herzog incontra Gorbaciov

Herzog incontra Gorbaciov, la storia raccontata da Herzog e Singer

“Avevo davanti a me un uomo che ha cambiato il corso del ventesimo secolo e le cui azioni hanno trasformato il mondo in cui sono cresciuto; eppure, a Mosca, ho trovato una figura un po’ tragica e solitaria, circondata da persone che lo incolpavano per la perdita dell’Unione Sovietica e per non aver adempiuto alle promesse della Perestrojka e del Glasnost’. Le nostre conversazioni sono state sincere e di ampio respiro”, ha spiegato il regista Herzog.

“Abbiamo girato un film che, deliberatamente, non è un documentario storico con tutti i suoi stereotipi. Invece di raccontare tutti gli eventi degli anni ’80 e ’90, abbiamo seguito la storia attraverso gli occhi di Gorbaciov. Questo ci ha permesso di conoscere l’umanità che si nasconde i dietro personaggi politici che hanno segnato la fine della guerra fredda”, ha aggiunto Singer.

295
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.