Covid ultime 24h
casi +15.204
deceduti +467
tamponi +293.770
terapie intensive -20

In Toscana 34 delfini morti dall’inizio dell’anno

Mistero sulle cause della moria

Di Marco Nepi
Pubblicato il 2 Ago. 2019 alle 12:24 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 03:08
0
Immagine di copertina
Credit: ANSA

Toscana, delfini morti: trentaquattro decessi dall’inizio dell’anno

Solo nel mese di luglio sono stati quindici i delfini ritrovati morti lungo le coste della Toscana. Gli ultimi lo scorso mercoledì, quando in mattinata ne sono stati recuperati due ormai senza vita: uno a Capoliveri, all’isola d’Elba, l’altro, ancora nella fase d’allattamento, a Viareggio. I ritrovamenti allungano la conta iniziata da gennaio: in sette mesi, i casi di delfini deceduti sono arrivati a trentaquattro.

Non si conoscono le cause dell’epidemia che sta uccidendo i delfini tirisiopi. Forse, un virus. Le cause dei decessi non sono ancora note ma, su otto delfini morti spiaggiati lungo le coste toscane, sette avevano lo stomaco completamente vuoto.

“Siamo tutti colpiti e rattristati da quanto sta accadendo nel santuario dei Cetacei. I delfini sono animali meravigliosi, intelligenti ed amati e questo rende ancora più dolorosa la scoperta delle loro carcasse spiaggiate. Stiamo andando a fondo per capire quali sono le reali cause della moria a cui stiamo assistendo e se è in nostro potere fare qualcosa per fermarla. Attendiamo con ansia l’esito dell’indagine approfondita commissionata dalla Regione all’Università di Siena e all’IZSLT di Pisa”, ha commentato l’assessore regionale all’ambiente Federica Fratoni.

“Il corpo del cucciolo è stato sottoposto ad autopsia così come quelli di altri 7 tra i delfini trovati spiaggiati negli ultimi mesi. Purtroppo solo le carcasse rinvenute in buono stato di conservazione possono essere analizzate, ma già lo studio di questo campione può dire molto”, ha concluso Fratoni.

Il  31 luglio, allertati da un velista, i militari della Guardia Costiera hanno trovato in mare la carcassa di un delfino, lungo meno di 140 centimetri. L’animale senza vita era vegliato da un piccolo esemplare di delfino tursiope femmina, di non più di tre mesi di vita e ancora nella fase dell’allattamento, e dalla madre. I militari della Guardia Costiera, e un biologo, hanno impiegato più di quaranta minuti prima di riuscire a recuperare il corpo. A ogni tentativo, i due esemplari si agitavano e si disperavano.

Nel 2018 sono stati trovati spiaggiati 23 cetacei di cui 20 delfini, mentre nel 2017 i delfini spiaggiati sono stati 41.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.