Coronavirus:
positivi 56.594
deceduti 32.785
guariti 140.479

Il Regno Unito ha ridotto del 90% la vendita di sacchetti di plastica in 12 mesi

Il Regno Unito ha deciso fin dal 2015 di introdurre un costo di 5 pence a sacchetto per ridurre l’uso della plastica e sul sito del governo appaiono i dati delle vendite di sacchetti

Di Giulio Cavalli
Pubblicato il 29 Ago. 2019 alle 16:45 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 03:04
1
Immagine di copertina

Passare ai fatti, come si dice. Il Regno Unito ha deciso fin dal 2015 di introdurre un costo di 5 pence a sacchetto per ridurre l’uso della plastica e sul sito del governo appaiono i dati delle vendite di sacchetti nelle sette principali catene della Paese (Asda, Marks &Spencer, Morrisons, Sainsbur’s, The Co-operative Group, Tesco e Waitrose) sottolineando come si sia passati dal miliardo e oltre dell’anno scorso ai 550 milioni con un calo del 90 per cento. Prima dell’introduzione della “tassa” sui sacchetti l’inglese medio utilizzava 140 sacchetti all’anno mentre oggi ne utilizza soltanto 10.

Quanta plastica c’è nel pesce che mangiamo?

Per questo il segretario all’ambiente Theresa Villiers ha espresso tutta la sua soddisfazione: “Nessuno desidera l’impatto devastante – ha detto Villiers – che i rifiuti plastici hanno sulla nostra preziosa fauna selvatica. I numeri odierni sono una forte dimostrazione che insieme abbiamo detto basta alla società dell’usa e getta”.

Ad aprile dell’anno scorso già la rivista Science aveva pubblicato uno studio che sottolineata come nei mari inglesi la presenza della plastica fosse diminuita del 30% in un decennio, tanto che uno degli autori dello studio, Thomas Maes, aveva dichiarato che “è incoraggiante vedere che gli sforzi di tutta la società, pubblico, industria, Ong e governo, per ridurre i sacchetti di plastica stanno avendo un effetto. Abbiamo osservato cali netti nella percentuale di sacchetti di plastica catturati dalle reti da pesca a strascico in tutto il Regno Unito rispetto al 2010 e questa ricerca suggerisce che lavorando insieme possiamo ridurre, riutilizzare e riciclare e affrontare così il problema dei rifiuti marini”.

Il governo britannico non si è fermato però solo all’utilizzo dei sacchetti per la spesa ma già dall’anno scorso ha dichiarato guerra a una lista di prodotti “usa e getta” che sono stati messi al bando tra cui cannucce per bibite, bastoncini per mescolare cocktail e cotton fioc, tutti abbastanza piccoli per essere ingeriti da volatili e animali marini.

La Scozia, vale la pena ricordarlo, ha iniziato la sua campagna contro i cotton fioc già un anno prima, nel 2017, e secondo molti attivisti ambientali solo quella misura avrebbe contribuito a ridurre della metà l’inquinamento marino della plastica.

Dal Regno Unito arriva anche la notizia di una nuova tassa sugli imballaggi in plastica per le aziende che non soddisfano una soglia minima di almeno il 30 per cento di materiale riciclato in vigore dall’aprile 2022. Passare ai fatti, come si dice. Appunto.

Così l’Italia esporta illegalmente rifiuti di plastica all’estero

1
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.