Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 17:50
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Una nave ha speronato un’imbarcazione di migranti in Tunisia, almeno otto vittime

Immagine di copertina
Immagine di repertorio. Credit: Marina Militare italiana

L'incidente è avvenuto nel tratto di mare che separa il paese africano dall'arcipelago di Malta. Sul posto sono intervenute quattro navi italiane per le operazioni di soccorso

Un barcone con 70 migranti a bordo è stato speronato da una nave da guerra tunisina, al largo delle coste di Tunisi. Nell’incidente sono morte almeno otto persone e ci sono diversi dispersi.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

L’incidente è avvenuto a circa 54 chilometri dalla spiaggia di El Ataya, sulle isole tunisine Kerkennah.

Quattro navi italiane e un aereo delle forze maltesi sono intervenute sul luogo dell’incidente. Le operazioni di soccorso sono però coordinate dalla Guardia costiera di Malta.

Secondo quanto riferisce l’agenzia Ansa, la nave con a bordo i migranti è affondata a seguito dell’incidente.

Sul posto si trovano due navi delle Guardia costiera italiana, una nave della Guardia di finanza e una della Marina militare.

Il ministero della Difesa tunisino ha intanto aperto un’inchiesta per indagare sulle cause della collisione. Secondo quanto riferiscono le autorità del paese nord africano, almeno 38 migranti sono stati salvati dalla marina tunisina, che era impegnata in un’operazione di avvicinamento all’imbarcazione poco prima dell’incidente. 

Secondo il portavoce dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni, Flavio Di Giacomo, ci sono almeno 20 dispersi e le persone sopravvissute sono quasi tutti tunisini.

Nonostante quella libica resti ancora la rotta preferita dai trafficanti di esseri umani per trasportare migranti in Europa dall’Africa, a causa degli accordi, in particolare da parte del governo italiano, con le autorità del paese nord africano e le milizie che ne controllano alcune zone, queste organizzazioni criminali stanno spostando sempre più verso Tunisia e Algeria i percorsi destinati ai migranti.

Soltanto a settembre 2017, almeno 1.400 persone hanno raggiunto le coste meridionali d’Europa passando per questa nuova rotta.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI