Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:26
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » News

Carola è stata liberata. Ma che fine hanno fatto i migranti della Sea Watch?

Immagine di copertina
Credit: Federico Scoppa / AFP

Migranti Sea Watch Carola | L’arresto della capitana della Sea Watch, Carola Rackete, non è stato convalidato dopo l’interrogatorio del primo luglio, ad Agrigento. [Chi è Carola Rackete]

Secondo quanto stabilito dal gip, infatti, la comandante della Sea Watch 3 ha agito “nell’adempimento di un dovere: quello di salvare vite umane in mare”.

Il reato di resistenza a nave da guerra, poi, non sussisterebbe in quanto la motovedetta della Finanza speronata dall’imbarcazione della Ong non sarebbe una nave da guerra.

La capitana era accusata di rifiuto di obbedienza a nave da guerra, resistenza o violenza contro nave da guerra e navigazione in zone vietate. La vicenda, ormai nota, è quella dei 53 migranti salvati il 12 giugno dai volontari della Sea Watch a 47 miglia da Zawiya.

Carola è dunque libera. La Capitana della Sea-Watch 3 ha lasciato Agrigento dopo che il pm ha negato il nullaosta per l’espulsione.

Ma in tutta questa vicenda, in cui l’attenzione mediatica e il dibattito politico si sono focalizzati sullo scontro tra il ministro dell’Interno Matteo Salvini e la Capitana Carola e la conseguente vicenda giudiziaria, abbiamo in parte “dimenticato” la sorte di quelle 53 persone che erano a bordo della Sea Watch e per le quali si è tanto discusso.

Migranti Sea Watch Carola | Il video dell’arresto di Carola Rackete

Cosa sarà di loro? Dove sono adesso? Come stanno e cosa pensano di questo Paese? Che speranze serbano?

Lo abbiamo chiesto ad Alberdo Mallardo, operatore del programma Mediterranean Hope, della Federazione delle Chiese evangeliche. Alberto si occupa da sempre di assistenza ai migranti e ha avuto modo di interagire con le persone poi sbarcate dalla Sea Watch.

“Le 40 persone che fino a oggi erano nell’hotspot di Lampedusa, in questi minuti stanno per essere trasferite a Porto Empedocle dove sapranno se verranno dislocate nei 4 paesi europei che si sono resi disponibili ad accoglierli: Lussemburgo, Olanda, Francia e Germania. Dovremmo capire nei prossimi come procederà questo ricollocamento”.

Hanno espresso preferenze per il ricollocamento o vogliono restare in Italia?

Ogni caso è diverso dall’altro. I ragazzi avrebbero il desiderio di essere ricollocati in altri paesi europei, qualora il processo andasse in porto sarebbero felici. Se ci sarà la possibilità di esere trasferiti saranno felici di farlo.

In alternativa alcuni di loro vorrebbero andare a Roma, i progetti migratori non sono così definiti. Francia e Germania sono le mete più ambite.

E invece dei 13 fatti sbarcare per i motivi sanitari?

Ora sono in un centro nell’agrigentino in attesa di conoscere il loro futuro.

La vicenda della Sea Watch è durata molto, cosa è arrivato loro di tutto il frastuono?

In generale non hanno piacere a ripercorrere le fasi del viaggio e la permanenza in Libia, da quello che capivo sono stati trattenuti diversi mesi in Libia, alcune hanno lavorato lì e sono stati chiusi nei centri di detenzione dai 3 ai 4 mesi.

Erano coscienti di quello che succedeva sulla nave.

Guerra alle Ong, Gatti (Open Arms) a TPI: “Salvini e gli altri politici ne risponderanno davanti alla Corte Ue”
Sono informati dei pericoli che corrono quanto intraprendono il viaggio?

Loro sapevano più o meno quello che succedeva in mare, che è sempre più complicato delle aspettative, ma questo non li ferma. Non si immaginavano in Libia il livello di violenza che hanno dovuto subire. Loro sanno che rischiano la vita anche in Libia ma quando poi vivono quelle violenza, i segni che portano sono indelebili.

Come hanno preso la notizia della liberazione di Carola?

Quando siamo andati a informarli della liberazione di Carola siamo stati testimoni di un momento di gioia e commozione importante: decine di ragazzi di fronte la chiesa hanno iniziato a pregare, si sono abbracciati tra loro. Abbiamo mandato un video di ringraziamento anche a Carola per il supporto per quello che ha fatto. Dicevano che le devono la vita.

Migranti Sea Watch Carola | Il capitano e la capitana: chi ha perso e chi ha vinto nella farsa del caso Sea Watch

Ti potrebbe interessare
News / Un servizio per chi è solo a Natale: dal 24 al 26 dicembre chiama Telefono Amico
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Ti potrebbe interessare
News / Un servizio per chi è solo a Natale: dal 24 al 26 dicembre chiama Telefono Amico
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI