Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:52
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Guerra alle Ong, Gatti (Open Arms) a TPI: “Salvini e gli altri politici ne risponderanno davanti alla Corte Ue”

Open Arms Riccardo Gatti | Ong | Matteo Salvini | Sea Watch

L’ong Open Arms è tornata in mare dopo sei mesi di stop in giorni davvero caldi per la questione migranti. Numerosi sono i fronti aperti, il caso Sea Watch si fa sempre più complicato: la capitana della nave Sea Watc 3 , Carola Rackete, è infatti in attesa della convalida di arresto per l’accusa di reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, dopo aver forzato il blocco navale ed essere entrata nel porto di Lampedusa venerdì 28 giugno.

Il vice premier leghista Matteo Salvini ha subito commentato l’accaduto  dicendo di essere “pronto a espellere la ricca fuorilegge tedesca”.

> Carola Rackete arrestata: cosa rischia la capitana della Sea Watch

Il capitano della Open Arms, Riccardo Gatti, si schiera in difesa della comandante Carola e attacca la politica di Salvini a microfoni dell’inviato di TPI Valerio Nicolisi, a bordo della Open Arms.

“Le dichiarazioni di Salvini lasciano il tempo che trovano, hanno sempre la stessa modalità e narrazione dell’odio. Sono fondate sulla volgarità e aggressione. Queste minacce nei confronti delle Ong non sono degne di un’istituzione”, sottolinea Gatti.

“Purtroppo chi ne paga le conseguenze – continua il capitano – è il popolo italiano. Spesso e volentieri, dopo poco viene dimostrato il contrario di quello che Salvini dice”.

Poi Riccardo Gatti si appella alla giustizia europea : “Quello di cui siamo certi è che i comportamenti e le violazioni delle leggi del mare e delle leggi internazionali prima o poi vedranno i loro responsabili, nomi e cognomi. Delle risposte che vengono dal tribunale dell’Aja”.

“Davanti alla Corte europea si siederanno non dei paesi, o delle istituzioni, ma direttamente delle singole persone. Si siederanno i Salvini della situazione e questo è importante”, conclude Gatti.

Open Arms | Diario di bordo del reporter di TPI | Giorno 5

Open Arms | Diario di bordo del reporter di TPI | Giorno 4

Open Arms | Diario di bordo del reporter di TPI | Giorno 3

Open Arms | Diario di bordo del reporter di TPI | Giorno 2

Open Arms | Diario di bordo del reporter di TPI | Giorno 1 

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 2.732 casi e 42 morti: il bollettino del 15 ottobre 2021
Cronaca / Due gemelli cambiano sesso lo stesso giorno: Giulio e Guido sono Giulia e Gaia
Cronaca / Addio ad Alitalia, nasce Ita Airways: nuovo logo, aerei azzurri e tricolore sulla coda
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 2.732 casi e 42 morti: il bollettino del 15 ottobre 2021
Cronaca / Due gemelli cambiano sesso lo stesso giorno: Giulio e Guido sono Giulia e Gaia
Cronaca / Addio ad Alitalia, nasce Ita Airways: nuovo logo, aerei azzurri e tricolore sulla coda
Cronaca / Green Pass, i no vax Barillari e Cunial occupano gli uffici della Regione Lazio
Cronaca / Green Pass obbligatorio, ma i tamponi non bastano per tutti i lavoratori
Cronaca / I No Pass non fermano l'Italia: niente blocco a Trieste
Cronaca / Lo storico Emilio Gentile a TPI: “Sciogliere Forza Nuova? Attenzione all’effetto martirio”
Cronaca / Viaggio nella galassia No pass: “Non siamo tutti fascisti”
Cronaca / Lotta eversiva, affari oscuri e droga: chi sono i militanti di Forza Nuova che hanno assaltato la Cgil
Cronaca / Effetto Draghi: le stragi in mare non indignano più