Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:20
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Salute

Rinnovo del contratto per 130mila medici: aumento di 200 euro al mese

Immagine di copertina

L' accordo arriva nella notte: "Un fatto storico", afferma la Cgil

Un nuovo contratto di lavoro per i medici è stato siglato nella notte tra il 23 e il 24 luglio. Il rinnovo non arrivava da dieci anni e l’accordo è stato sottoscritto con le principali sigle sindacali dei camici bianchi. “Per 130mila camici bianchi e professionisti della sanità ci saranno 200 euro al mese di aumento in busta paga medio mensile”, afferma il sindacalista della Cgil Andrea Filippi. La pre-intesa è stata firmata da tutti i sindacati medici, tranne la federazione Cimo, Anpo, e Fesmed.

Da novembre 2018 i medici e il personale sanitario avevano indetto ripetuti scioperi per ottenere il rinnovo del contratto nazionale, l’aumento dei fondi destinati al servizio sanitario e la rimozione del blocco della spesa per il personale, che risultava fermo dal 2004. Una delle rivendicazioni delle proteste riguardava la retribuzione per i neolaureati. Anche a questo problema il nuovo accordo offre una risposta.

“Sono risultati economici e normativi importanti, dopo anni di assenza contrattuale. Sono state premiate le carriere gestionali e professionali ed è stato valorizzato finalmente il lavoro dei giovani neoassunti. I nuovi medici prenderanno una retribuzione di posizione minima di 1.500 euro annui da subito. Un fatto storico mai accaduto prima. Così come lo è l’aver previsto la certezza di ottenere un incarico dopo 5 anni di servizio con una retribuzione che sale di duemila euro all’anno”, aggiunge Filippi.

Per attenuare le carenze di organico, inoltre, ci sarà un aumento delle indennità di guardia notturna da 50 a 100 euro e fino a 120 euro per chi lavora nei pronto soccorso.

La ministra della Salute Giulia Grillo esprime soddisfazione per il risultato raggiunto: “È fatta. Dopo 10 lunghi anni è stato firmato il rinnovo del contratto nazionale dei medici ospedalieri. Ringrazio i sindacati per l’impegno. Ora avanti insieme per un futuro migliore per il nostro Servizio sanitario nazionale”, afferma.

Il 24 luglio a mezzogiorno a Roma, in via Torino presso la sede dell’Enpam, si terrà la conferenza stampa dei sindacati.

La protesta dei medici in Canada
In Molise mancano i medici. E il ministero della Difesa vuole inviare i camici bianchi militari
Ti potrebbe interessare
Ambiente / I Green Jobs sono i lavori del futuro
Lavoro / NFT: cosa sono, rischi e scenari futuri nel metaverso
Lavoro / Professioni ICT tra squilibri geografici e gender gap
Ti potrebbe interessare
Ambiente / I Green Jobs sono i lavori del futuro
Lavoro / NFT: cosa sono, rischi e scenari futuri nel metaverso
Lavoro / Professioni ICT tra squilibri geografici e gender gap
Economia / Start-up, fucina di idee. E di lavoro
Cronaca / Prato, operai licenziati via whatsapp per non aver lavorato a Pasquetta. Ministro manda gli ispettori
Lavoro / Perché le donne CEO sono così poche in Italia?
Lavoro / Il lavoro del futuro è nelle mani delle persone
Lavoro / L’importanza di compilare un foglio presenze mensile
Lavoro / Concorsi, 11mila nuovi posti di lavoro nella Pubblica amministrazione: come partecipare
Economia / Italian Slow Food: la soluzione “chiavi in mano” per ripartire dopo la pandemia