Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:35
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Migranti: il Tar sospende l’ordinanza di Musumeci. Il governatore della Sicilia: “No passi indietro su nostra competenza”

Immagine di copertina

Migranti: Tar sospende ordinanza del governatore Sicilia Musumeci

Il Tar sospende l’ordinanza con la quale il governatore della Sicilia, Nello Musumeci, ha disposto lo sgombero degli hotspot e dei centri di accoglienza dei migranti sull’isola. Secondo il Tar le decisioni del governatore siciliano “involvono e impattano in modo decisivo sull’organizzazione e la gestione del fenomeno migratorio nel territorio italiano, che rientra pacificamente nell’ambito della competenza esclusiva dello Stato ai sensi dell’art. 117 della Costituzione” e “sono certamente idonee a produrre effetti rilevanti anche nelle altre regioni e, quindi, sull’intero territorio nazionale, nel quale dovrebbero essere trasferiti, nell’arco delle 48 ore decorrenti dalla pubblicazione dell’ordinanza, i migranti allo stato ospitati negli hotspot e nei centri di accoglienza insistenti sul territorio regionale”.

Il ricorso al Tar era stato presentato dal governo lo scorso 25 agosto perché, nonostante il riferimento a motivazioni sanitarie, l’ordinanza interferiva “direttamente con la gestione del fenomeno migratorio” che resta “di stretta ed esclusiva competenza dello Stato”. Non solo, secondo Palazzo Chigi, l’ordinanza, qualora applicata, produrrebbe “effetti diretti a carico di altre Regioni”. L’ordinanza firmata dal governatore della Sicilia Musumeci e valida fino al 10 settembre prevedeva il “divieto di ingresso, transito e sosta” nella Regione per “ogni migrante che raggiunga le coste siciliane con imbarcazioni di grandi e piccole dimensioni, comprese quelle delle Ong”. “La Sicilia – aveva dichiarato Musumeci poche ore prima di firmare l’ordinanza – non può continuare a subire questa invasione di migranti. Tra poche ore sarà sul mio tavolo l’ordinanza con cui dispongo lo sgombero di tutti gli hotspot e dei centri di accoglienza esistenti. Si attivi un ponte-aereo immediatamente e si liberi la Sicilia da queste vergognose strutture, iniziando da Lampedusa”.

Musumeci: “No passi indietro su nostra competenza”

Subito dopo la decisione del Tar è arrivata la replica del governatore Nello Musumeci: “Quella adottata dal magistrato del Tar di Palermo è una decisione cautelare che non condividiamo e che è stata assunta senza neppure ascoltare la Regione, come può essere concesso a richiesta della parte e come noi abbiamo formalmente chiesto, non avendo potuto depositare le nostre difese. Tuttavia, se in pochi giorni sono stati trasferiti oltre 800 migranti è la dimostrazione che serve denunciare il problema ad alta voce. Sulla nostra competenza in materia sanitaria non faremo un solo passo indietro”.

Il governatore della Sicilia ha poi aggiunto: “Martedì mattina sarà a Lampedusa la nostra task force e nei giorni successivi saranno verificati accuratamente gli oltre 40 centri di accoglienza che sono censiti in Sicilia. È una battaglia di civiltà dalla quale non ci possiamo esimere. Al governo di Roma chiedo ancora una volta di proclamare lo stato di emergenza su Lampedusa e di esercitare nei fatti le competenze che rivendica. Altrimenti sono solo chiacchiere e i problemi restano tutti sulle spalle e sulla pelle dei siciliani”.

Notizia in aggiornamento

Leggi anche: 1. Migranti, il governo ha impugnato l’ordinanza di Musumeci davanti al Tar / 2. Sicilia, ordinanza di Musumeci: “Entro le 24 di domani migranti fuori dall’isola”. Ma il Viminale lo blocca: “Non può farlo” / 3. Sicilia, Musumeci non molla: “Il governo vuole un campo di concentramento per migranti, vado dalla magistratura”

Ti potrebbe interessare
Politica / Carofalo (Potere al Popolo) a TPI: “I vip di sinistra solidarizzano con Angelini perché il lavoro è considerato un favore, non un diritto”
Politica / Retroscena TPI – Palazzo Chigi irritato con Letta: “Ci aspettavamo un altro atteggiamento”
Politica / Salvini piange la morte di Battiato, ma nel 2013 lo definiva un "piccolo uomo"
Ti potrebbe interessare
Politica / Carofalo (Potere al Popolo) a TPI: “I vip di sinistra solidarizzano con Angelini perché il lavoro è considerato un favore, non un diritto”
Politica / Retroscena TPI – Palazzo Chigi irritato con Letta: “Ci aspettavamo un altro atteggiamento”
Politica / Salvini piange la morte di Battiato, ma nel 2013 lo definiva un "piccolo uomo"
Politica / La destra non si arrende: pronto il testo "anti-Zan" per affossare la legge
Opinioni / Questi numeri dimostrano che l’Italia ha drammaticamente bisogno di una legge contro l’omotransfobia
Politica / Le amministrative agitano il centrodestra: i candidati fuggono. E Salvini teme Meloni
Politica / Le grandi città si avvicinano al voto, ma i partiti non riescono a trovare i candidati sindaci
Politica / Salvini: "No a una legge che vuole portare nelle scuole la teoria gender"
Politica / Fonti del Governo a TPI: “Letta-Salvini? Scontro finto solo per darsi un’identità, Draghi non rischia nulla”
Politica / Draghi respinge i veti di Salvini: rispetterà gli impegni col Paese e l’Europa e farà le riforme