Covid ultime 24h
casi +18.916
deceduti +280
tamponi +323.047
terapie intensive +22

Taglio dei parlamentari, la Cassazione dà via libera al referendum costituzionale

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 23 Gen. 2020 alle 16:38
605
Immagine di copertina

Taglio dei parlamentari, la Cassazione dice sì

Per il taglio dei parlamentari arriva il via libera della Cassazione al referendum costituzionale. Oggi, giovedì 23 gennaio, l’Ufficio centrale per il referendum della Corte di Cassazione ha dichiarato che “la richiesta di referendum sul testo di legge costituzionale recante ‘modifica degli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari”.

Sorretto dalla firma di 71 Senatori, il referendum è conforme all’art. 138 Cost. ed ha accertato la legittimità del quesito refendario dalla stessa proposto”. Lo riferisce la Corte di Cassazione stessa.

Ora, dunque, si andrà direttamente alle urne contro il taglio dei parlamentari.

Tutti i nomi dei parlamentari che hanno firmato per il referendum confermativo

Cosa cambia con la riforma

Con la riforma il numero dei parlamentari si riduce di circa un terzo, passando dagli attuali 945 a 600. Ii deputati scendono da 630 a 400 e i senatori calano invece da 315 a 200. Si riducono del 36,5 per cento i componenti elettivi di Camera e Senato con 230 deputati e 115 senatori in meno.

La proposta di legge costituzionale approvata dal Parlamento chiede la modifica modificati gli articoli 56 e 57 della Costituzione che determinano il numero di deputati e senatori.

Leggi anche:

Taglio dei parlamentari, Emma Bonino a TPI: “Proposta demagogica”

Le tre grandi bugie a favore del taglio dei parlamentari

Taglio dei parlamentari, ecco cosa cambia e quanto si risparmia

605
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.