Dopo la sparatoria a Trieste il M5S propone la legge sulle “vittime del dovere”

L'obiettivo è equiparare chi perde la vita nell'esercizio del suo dovere ai morti terrorismo

Di Donato De Sena
Pubblicato il 5 Ott. 2019 alle 13:30
48

Sparatoria Trieste, proposta di legge del M5S

Dopo la sparatoria alla Questura di Trieste di ieri, venerdì 4 ottobre 2019, in cui hanno perso la vita due poliziotti il M5S chiede una legge sulle “vittime del dovere”.

I componenti del Movimento 5 Stelle in Commissione Affari Costituzionali al Senato della Repubblica propongono ora di incardinare subito il ddl Corbetta, la proposta di legge presentata di pentastellati a Palazzo Madama per equiparare le vittime del dovere a quelle del terrorismo.

“I due poliziotti uccisi a Trieste meritano giustizia” dicono oggi gli esponenti M5S ricordando che la proposta prevede misure di sostegno “come quella di assegnare più fondi” quando i “servitori dello Stato perdono la vita durante l’esercizio del proprio dovere”.

E ancora: “Esprimiamo vicinanza alle famiglie e rinnoviamo il nostro grazie a tutti gli agenti che ogni giorno lavorano per garantire la sicurezza dei cittadini anche rischiando la propria vita”, scrivono i componenti del Movimento 5 Stelle in Commissione Affari Costituzionali.

“Proprio per loro, in Prima Commissione al Senato, è stato presentato dal M5S il ddl Corbetta per equiparare le vittime del dovere a quelle del terrorismo. Si prevedono misure di sostegno come quella di assegnare più fondi in casi come questo: quando servitori dello Stato perdono la vita durante l’esercizio del proprio dovere. Ci auguriamo che questo testo venga incardinato presto e che diventi legge per garantire un ulteriore aiuto ai familiari di chi muore difendendo tutti noi”, affermano i 5 Stelle.

Sparatoria di Trieste: la ricostruzione completa

Il sindaco Dipiazza a TPI: “I poliziotti non sono più sicuri in Italia, siamo in guerra”

Chi sono i due poliziotti uccisi

Chi è Alejandro Augusto Stephan Meran, l’uomo che ha ucciso i due poliziotti

Il sindacato Sap: “Le fondine delle pistole avevano problemi”

La madre del killer: “La sera prima non riusciva a dormire, sentiva delle voci”

Il fratello del killer si è barricato negli uffici della Questura

48
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.