Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Renzi spera nel Terzo Polo ed è pronto a cedere il ruolo di leader a Calenda

Immagine di copertina

Renzi spera in una rimonta del suo centro dopo l’addio di Carlo Calenda ad Enrico Letta, che avrebbe già definito “la caporetto di Enrico”. La decisione dell’ex ministro di rompere il patto unitario stretto con i dem in vista delle elezioni del 25 settembre appare come una vera opportunità per il leader di Italia Viva, che sogna il Terzo Polo. Se l’ex ministro accettasse di stringere un accordo con Renzi, il raggruppamento centrista a cui lavora Iv – di cui farà parte anche l’ex sindaco di Parma Federico Pizzarotti e la sua “Lista civica nazionale” – potrebbe ambire a sorpassare il Movimento 5 Stelle dopo FdI e Pd.

Per il momento i due non si sono sentiti, e dovrebbero incontrarsi prima di mercoledì, ma secondo un retroscena di Repubblica pur di allargare il suo polo Renzi sarebbe disposto a cedere all’europarlamentare di “Siamo Europei” il ruolo di front runner, di cui – avrebbe confessato ai suoi – “non gli interessa nulla”. Un passo di lato necessario per evitare che le incompatibilità caratteriali tra i due saltino fuori prima di mettere a punto la strategia necessaria ad eleggere i fedelissimi e superare le soglie di sbarramento. A tal fine l’ex premier potrebbe persino a rinunciare al suo cognome nel simbolo, a patto che rimanga il logo di Iv.

D’altro canto Calenda di quell’appoggio ha bisogno perché, senza +Europa, per presentare le liste di Azione deve raccogliere le firme in una settimana in tutti i collegi di Italia. Una mobilitazione che secondo gli stretti collaboratori di Calenda si organizzerà nel giro di 48 ore con l’obiettivo di rendere il partito indipendente. “Il tema di Renzi ora non si pone”, confessavano ieri alcuni esponenti di Azione, ancora concentrati sullo strappo dal Pd. A rallegrarsi della retromarcia dell’ex ministro sono stati prima di tutto i fuoriusciti di Forza Italia, che da giorni spingevano per una rottura, decisa in modo definitivo in seguito al patto elettorale tra dem e la coalizione formata da Sinistra Italiana e Verdi. “Da oggi l’Italia tra la sinistra di Fratoianni e la destra filo Orbán, avrà una proposta popolare”, ha scritto ieri Maria Stella Gelmini in un tweet. Una proposta che prima della presentazione delle liste potrebbe assumere ancora nuove forme.

Ti potrebbe interessare
Politica / Beppe Grillo condannato per diffamazione contro un’ex parlamentare del Pd
Politica / Meloni, prima uscita pubblica dopo il voto: “L’Italia deve tornare a difendere i suoi interessi”
Politica / Ecco l’Italia di Giorgia: viaggio tra i sostenitori di Meloni
Ti potrebbe interessare
Politica / Beppe Grillo condannato per diffamazione contro un’ex parlamentare del Pd
Politica / Meloni, prima uscita pubblica dopo il voto: “L’Italia deve tornare a difendere i suoi interessi”
Politica / Ecco l’Italia di Giorgia: viaggio tra i sostenitori di Meloni
Politica / Governo, Berlusconi: "Massima comunità d’intenti nel centrodestra". Lega, lo strappo di Bossi
Politica / Bertinotti a TPI: “Il Pd deve sciogliersi. La sinistra riparta dalle ceneri. O non sarà”
Politica / Inflazione record e bollette alle stelle: perché lo Stato deve intervenire subito sui rincari. Sostieni la petizione di TPI
Politica / Aborto, parla la ragazza che ha contestato Boldrini: “Non ci rappresenta, il Pd ha governato a braccetto con il centrodestra”
Politica / La lettera di Enrico Letta agli iscritti e alle iscritte sul Congresso Costituente del Nuovo PD: “Apertura, opposizione, nuova vita”
Politica / Firma anche tu la petizione di TPI e Change.org: “Lo Stato paghi gli aumenti delle bollette”
Politica / Il responsabile sanità di FdI: “Contrari al Green Pass, vaccino solo agli anziani. Stop all’obbligo per il personale sanitario”