Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Calenda rompe con il Pd: “Non intendo andare avanti con questa alleanza, è una delle decisioni più sofferte da quando faccio politica”

Immagine di copertina

Calenda rompe con il Pd: l’annuncio ufficiale del leader di Azione

“Non intendo andare avanti con questa alleanza”: Carlo Calenda torna sui suoi passi e rompe con il Pd. Il leader di Azione ha comunicato la sua decisione di non far più parte della coalizione di centrosinistra e di correre da solo alle prossime elezioni politiche del 25 settembre nel corso di Mezz’ora in più, il programma di Lucia Annunziata in onda su Rai 3 nel primo pomeriggio di domenica 7 agosto.

È una delle decisioni più sofferte da quando faccio politica – ha dichiarato Calenda in apertura di trasmissione – questa legislatura ha visto tutto e il contrario di tutto”.

“Alla vigilia di queste elezioni, io ho intrapreso un negoziato con il Pd perché non ho mai avuto l’intenzione di distruggere il Partito Democratico. Ho fatto un negoziato con Enrico Letta cercando di costruire un’alternativa di governo”.

“Mano a mano che questa negoziazione andava avanti si aggiungevano pezzi che stonavano. Oggi io mi trovo a fianco a delle persone che hanno trovato 54 volte la sfiducia a Draghi e dall’altra parte delle persone, come gli ex 5 Stelle, che hanno demolito quello che io ho fatto al Mise”.

“E allora mi sono un po’ perso e ho proposto a Letta di fare un’alleanza con Azione rinunciando ai collegi. Non mi sento a mio agio con questo, non faccio politica per questo”.

“Pertanto io ho comunicato ai vertici del Pd che non intendo andare avanti con questa alleanza” ha quindi dichiarato Calenda.

“Non si fa politica contro qualcuno, si fa politica per spiegare agli italiani cosa bisogna fare. Dialogo con Renzi? Lo vedremo” ha aggiunto l’ex ministro dello Sviluppo economico.

“Costruiremo delle liste molto forti” ha affermato Calenda che poi ha aggiunto: “Se dovremmo raccogliere le firme, lo faremo. Se non ce la dovessimo fare evidentemente la nostra proposta non è stata convincente”.

“Se il Paese non mi seguirà vorrà dire che ho sbagliato mestiere – ha aggiunto Calenda – Voglio dire a Letta che c’è delusione per una scelta che potevamo fare, ha fatto quello che hanno fatto tutti i leader del Partito Democratico prima di lui”.

L’intesa tra Azione, +Europa e Pd era stata firmata solamente il 2 agosto scorso e si basava, tra le altre cose, nel proseguire l’azione del governo guidato da Mario Draghi.

La decisione di Enrico Letta di allargare la coalizione di centrosinistra a Sinistra Italiana e Verdi, oltre che a Impegno civico di Luigi Di Maio, aveva provocato dei malumori nel leader di Azione che aveva deciso di non commentare l’accordo, nonostante questo fosse esplicitamente basato sulla “difesa della Costituzione” e non su un vero e proprio programma elettorale.

L’annuncio di Calenda, però, crea anche una frattura tra Azione e + Europa: poco prima della decisione ufficiale dell’ex ministro dello Sviluppo economico, infatti, la segretaria di +Europa aveva ribadito la soddisfazione e il forte apprezzamento per l’accordo sottoscritto con il Partito Democratico.

Notizia in aggiornamento

Ti potrebbe interessare
Politica / Le ragazze di Non una di meno alla Boldrini: “Ma per quelle come noi di periferia che cosa avete fatto?! Niente!”
Politica / Il ritorno di Michetti: “Sono il Maradona dell’amministrazione ma i poteri forti non mi vogliono”
Politica / Liguria, la proposta di FdI: sportelli “pro vita” in tutti gli ospedali in cui si pratica l’aborto
Ti potrebbe interessare
Politica / Le ragazze di Non una di meno alla Boldrini: “Ma per quelle come noi di periferia che cosa avete fatto?! Niente!”
Politica / Il ritorno di Michetti: “Sono il Maradona dell’amministrazione ma i poteri forti non mi vogliono”
Politica / Liguria, la proposta di FdI: sportelli “pro vita” in tutti gli ospedali in cui si pratica l’aborto
Politica / Dall’ultracattolico Pillon a Di Maio, Paragone, Sgarbi e Bonino: promossi e bocciati alle urne
Economia / Gas, Cingolani: “Serve il price cap ma i prezzi non torneranno mai al livello di un anno fa”
Politica / Come non hanno votato i giovani: i dati sull’astensionismo
Politica / Lettera di un segretario di Circolo Pd: “Rimettere in discussione tutto, dobbiamo dire al Paese chi siamo”
Politica / La stampa spagnola: “Il padre di Giorgia Meloni fu condannato per traffico di droga”
Politica / Governo, l’ultimatum della Lega: “Appoggio esterno se Salvini non avrà il Viminale”
Politica / Meloni: "Pronti a ridare futuro, visione e grandezza all'Italia"