Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:24
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Quando Calenda diceva (a TPI): “Io premier? Ma non farmi ridere, figurati…”

Immagine di copertina

“Io premier, ma figurati”: così a TPI parlava Carlo Calenda, il leader di Azione che proprio pochi giorni fa si è detto pronto a candidarsi come presidente del Consiglio qualora Mario Draghi fosse indisponibile a un bis.

Correva l’anno 2020: l’Italia era in lockdown a causa della prima ondata di Covid, mentre il governo era guidato da Giuseppe Conte, a capo della coalizione giallorossa formata da M5S, Pd, Italia Viva e Leu.

In un’intervista (disponibile qui) in cui si discuteva, tra le altre cose, degli effetti della pandemia e di come far ripartire l’Italia, a precisa domanda del direttore di TPI Giulio Gambino (“Si vede premier?”), il leader di Azione rispondeva: “Io premier? Ma figurati, in questo momento ho il 2 per cento“.

Poco più di due anni dopo, però, Calenda ha cambiato idea, forse spinto dai sondaggi che ora lo vedono intorno al 5-6%. Il 26 luglio scorso, infatti, nel corso di un’intervista a SkyTg24, l’ex ministro dello Sviluppo economico ha dichiarato: “Se Draghi è indisponibile al bis, sono pronto a candidarmi come premier”.

“Noi pensiamo a un governo Draghi bis con una forte componente riformista e ci candidiamo a far questo, ma un Paese non si può fermare solo ad una persona. Per cui se domani Draghi dicesse che non è disponibile, allora mi candiderei io.  Spiegheremo come intendo governare questo paese” ha aggiunto Calenda.

Non è la prima volta che Carlo Calenda smentisce se stesso. Già nel 2018, infatti, a proposito di una sua eventuale candidatura come sindaco di Roma, l’ex ministro affermò: “Io sindaco di Roma? Neanche morto. A parte che mi piacciono altre cose… Se utilizzassi il lavoro fatto sul tavolo Roma per candidarmi sarei un cialtrone e quindi non lo farò”.

Due anni dopo, il leader di Azione si è candidato per il Campidoglio arrivando a sfiorare il ballottaggio alle elezioni comunali che si sono svolte lo scorso ottobre.

Ti potrebbe interessare
Politica / Altro che agenda Draghi: il prossimo governo dovrà attuare 434 decreti lasciati in sospeso dai migliori
Politica / Elezioni 2022, De Masi smentisce le voci su una possibile candidatura: “Non correrò con M5S”
Politica / Calenda: “Accordo con Renzi non è scontato. Sottrarrò voti a Meloni”
Ti potrebbe interessare
Politica / Altro che agenda Draghi: il prossimo governo dovrà attuare 434 decreti lasciati in sospeso dai migliori
Politica / Elezioni 2022, De Masi smentisce le voci su una possibile candidatura: “Non correrò con M5S”
Politica / Calenda: “Accordo con Renzi non è scontato. Sottrarrò voti a Meloni”
Politica / Calenda ora cita Kennedy e twitta in inglese: “Un uomo fa quel che deve”
Politica / Contatti tra Di Maio e il partito animalista italiano per allargare la base elettorale di Impegno Civico
Politica / M5S, Rocco Casalino non si candiderà alle prossime elezioni
Politica / Morgan: “Sono anarchico, non fascista. Ho scritto alla Meloni perché non è snob”
Politica / Jova Beach Party, Salvini difende Jovanotti: “Va premiato, polemiche pseudo-ambientaliste”
Politica / Elezioni, l’ex procuratore antimafia De Raho tra i candidati sul tavolo di Conte
Politica / Renzi spera nel Terzo Polo ed è pronto a cedere il ruolo di leader a Calenda