Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Quando Calenda diceva (a TPI): “Io premier? Ma non farmi ridere, figurati…”

Immagine di copertina

“Io premier, ma figurati”: così a TPI parlava Carlo Calenda, il leader di Azione che proprio pochi giorni fa si è detto pronto a candidarsi come presidente del Consiglio qualora Mario Draghi fosse indisponibile a un bis.

Correva l’anno 2020: l’Italia era in lockdown a causa della prima ondata di Covid, mentre il governo era guidato da Giuseppe Conte, a capo della coalizione giallorossa formata da M5S, Pd, Italia Viva e Leu.

In un’intervista (disponibile qui) in cui si discuteva, tra le altre cose, degli effetti della pandemia e di come far ripartire l’Italia, a precisa domanda del direttore di TPI Giulio Gambino (“Si vede premier?”), il leader di Azione rispondeva: “Io premier? Ma figurati, in questo momento ho il 2 per cento“.

Poco più di due anni dopo, però, Calenda ha cambiato idea, forse spinto dai sondaggi che ora lo vedono intorno al 5-6%. Il 26 luglio scorso, infatti, nel corso di un’intervista a SkyTg24, l’ex ministro dello Sviluppo economico ha dichiarato: “Se Draghi è indisponibile al bis, sono pronto a candidarmi come premier”.

“Noi pensiamo a un governo Draghi bis con una forte componente riformista e ci candidiamo a far questo, ma un Paese non si può fermare solo ad una persona. Per cui se domani Draghi dicesse che non è disponibile, allora mi candiderei io.  Spiegheremo come intendo governare questo paese” ha aggiunto Calenda.

Non è la prima volta che Carlo Calenda smentisce se stesso. Già nel 2018, infatti, a proposito di una sua eventuale candidatura come sindaco di Roma, l’ex ministro affermò: “Io sindaco di Roma? Neanche morto. A parte che mi piacciono altre cose… Se utilizzassi il lavoro fatto sul tavolo Roma per candidarmi sarei un cialtrone e quindi non lo farò”.

Due anni dopo, il leader di Azione si è candidato per il Campidoglio arrivando a sfiorare il ballottaggio alle elezioni comunali che si sono svolte lo scorso ottobre.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / I populisti cavalcano il malessere delle persone, ma non hanno soluzioni. Ecco come fermarli (di N. Zingaretti)
Politica / L’annuncio di Meloni: “Chico Forti sarà trasferito in Italia”
Politica / Vannacci: “In tv troppi gay, cerco di orientare le mie figlie verso l’eterosessualità”
Ti potrebbe interessare
Opinioni / I populisti cavalcano il malessere delle persone, ma non hanno soluzioni. Ecco come fermarli (di N. Zingaretti)
Politica / L’annuncio di Meloni: “Chico Forti sarà trasferito in Italia”
Politica / Vannacci: “In tv troppi gay, cerco di orientare le mie figlie verso l’eterosessualità”
Politica / Scuola, percorsi differenziati per gli alunni stranieri: il piano di Valditara scatena le polemiche
Politica / Veronica Lario: “Miliardaria? Il Tribunale mi ha tolto tutto. Io passata da velina ingrata”
Politica / Scontri a Pisa, Piantedosi: “Le cariche fatte per garantire l’incolumità degli agenti. Corteo violava la legge”
Politica / Schlein: “Meloni si può battere, ora vogliamo l’Abruzzo”
Opinioni / Il voto in Sardegna non è solo una questione locale
Politica / L’Antifrode Ue ora indaga sulle cooperative della moglie e della suocera di Soumahoro
Politica / Due lauree, quattro lingue, il padre malato, il passato da manager: chi è Alessandra Todde, prima donna alla guida della Sardegna