Coronavirus:
positivi 43.691
deceduti 33.340
guariti 155.633

CasaPound scheda le Sardine una per una: la vergognosa lista del Primato Nazionale

Di Donato De Sena
Pubblicato il 30 Nov. 2019 alle 18:11 Aggiornato il 30 Nov. 2019 alle 21:28
2.4k
Immagine di copertina
La schedatura delle Sardine su Il Primato Nazionale

Una lista di persone sgradite. È la vergognosa (e preoccupante) iniziativa assunta dal Primato Nazionale, il giornale di riferimento del movimento politico di estrema destra Casapound: un atto che fa venire in mente qualcosa che avviene nei regimi dittatoriali. La testata ha deciso di effettuare una schedatura di rappresentanti delle cosiddette “Sardine”, il movimento che in queste settimane scende in piazza per denunciare il clima d’odio e i messaggi violenti del mondo della politica. In un articolo pubblicato ieri, venerdì 29 novembre, sul sito Ilprimatonazionale.it dal titolo “Chi sono davvero le sardine ‘apartitiche’. La schedatura dei leader nazionali e locali” vengono elencate informazioni su diversi esponenti del popolo che critica pacificamente e in maniera composta nelle strade delle principali città italiane.

Nel pezzo de Il Primato Nazionale, a firma Francesca Totolo, viene messo in evidenza che “le sardine si sono dichiarate come un movimento apartitico ‘di persone normali’. Ma basta fare una rapida ricerca nei curriculum dei loro attivisti e degli organizzatori per comprendere quanto la suddetta affermazione non sia verificata nei fatti”. L’articolo elenca nomi, cognomi ed esperienza politiche o professionali delle “Sardine”.

Le persone indicate sono ben 24, a partire dal volto più noto del movimento, Mattia Santori. Il giornale di Casapound nei titoli dei paragrafi evidenzia che si tratta di attivisti “quasi tutti legati al Pd e alla sinistra” e parla di “bufala del movimento spontaneo”. Per Il Primato Nazionale il curriculum delle persone schedate basterebbe per dimostrare che si tratta di “sardine in cerca di una veloce carriera politica”. Questo perché vengono legate contatti con il mondo della politica a interessi personali. Sono – si sottolinea – “membri dei rappresentanti di associazioni studentesche di sinistra, sindacalisti, responsabili di associazioni antifasciste e immigrazioniste, e rappresentati dell’Anpi”.

primato nazionale schedatura sardine
L’articolo de Il Primato Nazionale con la schedatura delle “Sardine”

La polemica: “Dossieraggio”

Le critiche non sono tardate ad arrivare. Diversi utenti sui social network hanno denunciato la schedatura. Cathy La Torre, avvocata e attivista Lgbt, sulla sua bacheca Facebook ha scritto: “‘Schedatura’ è una parola che rimanda ai servizi segreti dei Regimi dittatoriali che raccolgono informazioni sui ‘nemici’ del Regime per tenerli sott’occhio e all’occorrenza perseguitare. E ciò che fa ‘Il Primato Nazionale’, sito dell’organizzazione di estrema destra ‘Casapound’ e decisamente vicino alle posizioni di Matteo Salvini e della Lega Nord, è proprio questo: un dossier sui leader delle Sardine. Con tanto di foto e informazioni su qualunque cosa abbiano fatto o facciano, utile allo scopo”.

“Questo dossieraggio dei ‘nemici dell’amico’ – continua – punta a un solo obiettivo: distorcere l’immagine dei ragazzi delle Sardine e creare nei lettori l’idea che dietro di loro ci sia chissà quale manovratore. E che non siano un movimento di popolo, ma un movimento legato ai partiti”.

Come basta verificare attraverso una semplice ricerca online il dominio del sito Ilprimatonazionale.it risulta intestato a Simone Di Stefano, leader di Casapound.

Leggi anche:

Sardine a Napoli, l’organizzatore a TPI: “Noi contro la violenza del messaggio di Salvini” | VIDEO

“Io sono Mattia: eravamo 6mila e ora siamo 200mila. Noi Sardine da tutt’Italia salveremo i giovani e sconfiggeremo l’odio di Salvini”

Chi è Mattia Santori, l’ideatore del movimento delle Sardine

Sardine a Parma, l’organizzatrice Joy Olayanju a TPI: “Siamo noi il futuro e diciamo basta all’odio” | VIDEO

Le ‘6000 sardine di Amsterdam’ a TPI: “Faremo rete in tutta Europa contro sovranismo e razzismo”

2.4k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.