Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:22
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Tre senatori pronti a lasciare il M5s e passare alla Lega: sarebbero Urraro, Grassi e Lucidi

Immagine di copertina

Lucidi lascia in aperta polemica per la riforma del Mes, Grassi e Urraro per la riforma della prescrizione. Ma ci sarebbero altri due senatori sul punto di lasciare il M5s

Mes, senatori Urraro, Grassi e Lucidi lasciano M5s e passano alla Lega

È polemica vera all’interno del Movimento Cinque Stelle sulla riforma del Mes, ma non solo: tre senatori sarebbero infatti pronti a lasciare il M5s e passare probabilmente alla Lega.

Si tratta di Francesco Urraro, Ugo Grassi e Stefano Lucidi. Quella che al momento è solo un’indiscrezione potrebbe però essere confermata oggi stesso, mercoledì 11 dicembre 2019, in occasione della presentazione al Senato della risoluzione della maggioranza giallorossa sulla riforma del Mes.

Da stamattina, infatti, a palazzo Madama circola la voce del malcontento di Urraro, Grassi e Lucidi. I tre non hanno votato, ad esempio, la fiducia al dl terremoto. Un segnale del fatto che non hanno più intenzione di dare il proprio sostegno al governo.

Dei tre, l’unico a esprimersi chiaramente stamattina è stato Lucidi, intervistato dalla trasmissione radio Un giorno da pecora: “La mia posizione sul voto di oggi pomeriggio alla risoluzione del Mes? È contraria – ha dichiarato – e voterò no. Io ne faccio una questione di metodo, che è dipeso da chi ha scritto questo documento. Farò una dichiarazione in dissenso esponendo le mie ragioni. Se uscirò dal M5s? È una riflessione che faremo nelle prossime ore, vediamo quello che succederà”.

Per quanto riguarda Urraro e Grassi, invece, i due sono da tempo tra i più critici della riforma della prescrizione, che entrerà invece in vigore dal 1 gennaio 2020. Si resta dunque in attesa dell’ufficializzazione della decisione dei tre senatori.

Attesa per l’arrivo di Conte al Senato

Saranno le prossime ore quelle decisive per capire se davvero i tre senatori M5s passeranno tra le file della Lega. L’attenzione si sposta dunque in Aula a Palazzo Madama, dove tra poco il premier Giuseppe Conte arriverà per riferire davanti al Senato – dopo essere intervenuto anche alla Camera – riguardo alla risoluzione di maggioranza sul Mes, in vista del Consiglio europeo in programma domani e dopodomani.

Ma secondo i rumors, non ci sarebbero solo Urraro, Grassi e Lucidi a ingrossare le file degli scontenti in casa M5s: potrebbero esserci altri due senatori – la cui identità, al momento, resta ignoti – con il piede sulla porta.

Se anche tutti e cinque andassero alla Lega, la maggioranza del governo in Senato (161 voti affinché si dia il via libera alla risoluzione di maggioranza) non sarebbe a rischio, complici anche alcune assenze all’interno dell’opposizione.

Leggi anche: 
Mes, Borghi (Lega) a TPI: “Gualtieri è un poverino, voleva che firmassimo a scatola chiusa”
La Lega raccoglie 400mila firme contro il Mes, ma gli elettori non sanno cosa sia: “Ci fidiamo di Salvini”
Mes, Conte attacca Salvini: “La sua resistenza a studiare i dossier mi è ben nota” | VIDEO
Mes, cosa cambia con la riforma del Fondo Salva-Stati
Vi spiego perché sul Mes hanno ragione sia Conte sia Salvini (di L. Telese)
Ti potrebbe interessare
Politica / Anticipazione TPI, Esclusivo Report: il business sui rifiuti a Roma, così i costi sono lievitati da 40 a 200 euro a tonnellata per lo smaltimento. Gualtieri: “Termovalorizzatore unica soluzione”
Politica / Ballottaggi, il centrosinistra vince in 7 capoluoghi: storico trionfo a Verona
Politica / Elezioni comunali 2022, ballottaggi: affluenza e risultati in diretta
Ti potrebbe interessare
Politica / Anticipazione TPI, Esclusivo Report: il business sui rifiuti a Roma, così i costi sono lievitati da 40 a 200 euro a tonnellata per lo smaltimento. Gualtieri: “Termovalorizzatore unica soluzione”
Politica / Ballottaggi, il centrosinistra vince in 7 capoluoghi: storico trionfo a Verona
Politica / Elezioni comunali 2022, ballottaggi: affluenza e risultati in diretta
Politica / “14esima a tutti i lavoratori fino a 35mila euro”: i dem propongono “taglio shock” al cuneo fiscale
Opinioni / Di Maio, Azzolina, Spadafora e la lezione degli scissionisti che finiscono sempre con lo zerovirgola (di L. Telese)
Ambiente / Emergenza siccità, il governo prepara il Dpcm: tutto il Nord in “zona rossa”. A rischio anche Marche e Lazio
Politica / L’ex europarlamentare del M5S Rondinelli passa con Di Maio: ricoperta di insulti sui social
Politica / Calenda: "Di Maio? In un paese normale sarebbe stato preso a pernacchie"
Politica / Di Battista: “Mi siederei al tavolo con Conte solo se il M5S esce dal governo prima dell’estate”
Politica / “Sanzione da 100mila euro per chi lascia il M5s”: ora Di Maio rischia di pagare la multa che lui stesso ha voluto