Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 17:21
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Tre senatori pronti a lasciare il M5s e passare alla Lega: sarebbero Urraro, Grassi e Lucidi

Immagine di copertina

Lucidi lascia in aperta polemica per la riforma del Mes, Grassi e Urraro per la riforma della prescrizione. Ma ci sarebbero altri due senatori sul punto di lasciare il M5s

Mes, senatori Urraro, Grassi e Lucidi lasciano M5s e passano alla Lega

È polemica vera all’interno del Movimento Cinque Stelle sulla riforma del Mes, ma non solo: tre senatori sarebbero infatti pronti a lasciare il M5s e passare probabilmente alla Lega.

Si tratta di Francesco Urraro, Ugo Grassi e Stefano Lucidi. Quella che al momento è solo un’indiscrezione potrebbe però essere confermata oggi stesso, mercoledì 11 dicembre 2019, in occasione della presentazione al Senato della risoluzione della maggioranza giallorossa sulla riforma del Mes.

Da stamattina, infatti, a palazzo Madama circola la voce del malcontento di Urraro, Grassi e Lucidi. I tre non hanno votato, ad esempio, la fiducia al dl terremoto. Un segnale del fatto che non hanno più intenzione di dare il proprio sostegno al governo.

Dei tre, l’unico a esprimersi chiaramente stamattina è stato Lucidi, intervistato dalla trasmissione radio Un giorno da pecora: “La mia posizione sul voto di oggi pomeriggio alla risoluzione del Mes? È contraria – ha dichiarato – e voterò no. Io ne faccio una questione di metodo, che è dipeso da chi ha scritto questo documento. Farò una dichiarazione in dissenso esponendo le mie ragioni. Se uscirò dal M5s? È una riflessione che faremo nelle prossime ore, vediamo quello che succederà”.

Per quanto riguarda Urraro e Grassi, invece, i due sono da tempo tra i più critici della riforma della prescrizione, che entrerà invece in vigore dal 1 gennaio 2020. Si resta dunque in attesa dell’ufficializzazione della decisione dei tre senatori.

Attesa per l’arrivo di Conte al Senato

Saranno le prossime ore quelle decisive per capire se davvero i tre senatori M5s passeranno tra le file della Lega. L’attenzione si sposta dunque in Aula a Palazzo Madama, dove tra poco il premier Giuseppe Conte arriverà per riferire davanti al Senato – dopo essere intervenuto anche alla Camera – riguardo alla risoluzione di maggioranza sul Mes, in vista del Consiglio europeo in programma domani e dopodomani.

Ma secondo i rumors, non ci sarebbero solo Urraro, Grassi e Lucidi a ingrossare le file degli scontenti in casa M5s: potrebbero esserci altri due senatori – la cui identità, al momento, resta ignoti – con il piede sulla porta.

Se anche tutti e cinque andassero alla Lega, la maggioranza del governo in Senato (161 voti affinché si dia il via libera alla risoluzione di maggioranza) non sarebbe a rischio, complici anche alcune assenze all’interno dell’opposizione.

Leggi anche: 

Mes, Borghi (Lega) a TPI: “Gualtieri è un poverino, voleva che firmassimo a scatola chiusa”

La Lega raccoglie 400mila firme contro il Mes, ma gli elettori non sanno cosa sia: “Ci fidiamo di Salvini”

Mes, Conte attacca Salvini: “La sua resistenza a studiare i dossier mi è ben nota” | VIDEO

Mes, cosa cambia con la riforma del Fondo Salva-Stati

Vi spiego perché sul Mes hanno ragione sia Conte sia Salvini (di L. Telese)

Ti potrebbe interessare
Politica / Green Pass, Letta: “Salvini su questi temi è irrilevante nel Governo, nemmeno la Lega lo segue”
Politica / Don Matteo della Mancia: Salvini ha scambiato i social per la realtà e si è perso per strada la Lega
Politica / Il candidato di centrodestra Bernardo agli alleati: "Datemi i soldi della campagna elettorale o mi ritiro"
Ti potrebbe interessare
Politica / Green Pass, Letta: “Salvini su questi temi è irrilevante nel Governo, nemmeno la Lega lo segue”
Politica / Don Matteo della Mancia: Salvini ha scambiato i social per la realtà e si è perso per strada la Lega
Politica / Il candidato di centrodestra Bernardo agli alleati: "Datemi i soldi della campagna elettorale o mi ritiro"
Politica / Vittorio Feltri: “Il centrodestra è una coalizione del ca**o. A Milano vincerà Sala”
Politica / Caos Lega: ora Salvini sta scontentando tutti. L’ala “no green pass” è sul piede di guerra
Politica / La lista della Lega esclusa dalle comunali a Napoli: il Consiglio di Stato conferma la decisione
Politica / "Bertolaso vice di Calenda? Forza Italia vuole lasciare Michetti e guarda al candidato di Azione" (di M. Antonellis)
Politica / Conte a TPI: “Abolire il reddito di cittadinanza? Devono passare sul mio cadavere”
Politica / Il marito di Casellati inseguito dal Fisco per 145mila euro di Ici non pagata: la storia sul settimanale di TPI
Politica / Il governo pensa a uno stanziamento di 3 miliardi per limitare l’aumento delle bollette