Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Giorgia Meloni: “Sul mancato applauso a Liliana Segre non cambio idea e non sono pentita sull’astensione”

Immagine di copertina

Giorgia Meloni: “Sul mancato applauso a Liliana Segre non cambio idea e non sono pentita sull’astensione”

Il caso Liliana Segre non accenna a placarsi. La leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni ha affermato in un’intervista al Corriere della Sera, di non essersi pentita dell’astensione sulla commissione voluta dalla senatrice a vita e sopravvissuta ad Auschwitz.

“Quello che sta accadendo non dipende dal voto sulla commissione. La senatrice Segre non è la prima esponente della comunità ebraica a cui purtroppo viene assegnata una scorta in Europa. E nella maggior parte dei casi il problema riguarda il fondamentalismo islamico”, ha replicato Meloni, parlando dei motivi per cui spesso viene assegnata la scorta ad esponenti della comunità ebraica.

Quando le si fa notare che il caso Segre con il fondamentalismo islamico non c’entra nulla, neanche lontanamente, Meloni risponde: “Nel contrasto all’antisemitismo noi di FdI siamo totalmente a disposizione e non da oggi. Io per prima mi sono fatta portatrice di un pronunciamento unanime, raccogliendo una proposta di Riccardo Pacifici della comunità ebraica. E la senatrice Segre, per la quale ho un enorme rispetto, va protetta da tutta la società italiana, non ci sono divisioni su questo”.

“Su quel mancato applauso c’è stata una chiara mistificazione. Lì veniva applaudito il provvedimento e non certo la senatrice Segre, l’ho detto anche a lei quando ci siamo sentite al telefono. Il problema di quella commissione, che arriva da lontano e prima si chiamava commissione Boldrini, è che si lascia alla discrezione dei politici stabilire quali siano le parole d’odio e quali no. E questo non mi fa sentire tranquilla”, prosegue Meloni.

TPI si è occupato approfonditamente della questione, qui alcuni link utili per essere aggiornati:

Liliana Segre: “Non avrei mai pensato di avere una scorta”
Salvini che si paragona a Liliana Segre è la minimizzazione più imbarazzante del Capitano
Liliana Segre, la dura lettera del figlio Alberto: “Non vi meritate mia madre”
Destra non vota a favore della commissione Segre: “Per parificare l’odio antisemita bisogna punire anche la cristanofobia”
Liliana Segre sull’astensione del centrodestra: “Credevo che la stagione dell’odio fosse finita, ma mi sbagliavo”
Il figlio di Liliana Segre a TPI: “Indegno che mia madre sia finita sotto scorta solo perché testimonia gli orrori di Auschwitz”
Ti potrebbe interessare
Politica / L’Economist incorona Giorgia Meloni: “Può diventare la prima premier donna in Italia”
Politica / Melicchio (M5S) a TPI: “Ringraziare i ricercatori precari a parole non ha senso se non vengono assunti dal Cnr”
Politica / La ministra Carfagna agli eventi di Forza Italia con gli aerei di Stato
Ti potrebbe interessare
Politica / L’Economist incorona Giorgia Meloni: “Può diventare la prima premier donna in Italia”
Politica / Melicchio (M5S) a TPI: “Ringraziare i ricercatori precari a parole non ha senso se non vengono assunti dal Cnr”
Politica / La ministra Carfagna agli eventi di Forza Italia con gli aerei di Stato
Politica / Azzolina a TPI: “Una vita a combattere chi mi scredita, alla scuola devo tutto”
Politica / Le carte sull’inchiesta Open: il meglio tra chat, email e appunti dei renziani
Politica / A cena con Matteo? “Costa 20mila euro”
Politica / Chi paga Renzi? Bonifici per 2,6 milioni di euro da Arabia Saudita, Benetton e società di investimenti
Cronaca / Mattarella: “Violenza contro le donne è un fallimento della nostra società”
Politica / Nomine, affari e potere: il grande risiko delle poltrone nelle carte dell’inchiesta Open
Politica / Inchiesta Fondazione Open: gli affari segreti, gli indagati, i finanziatori e tutto quello che c’è da sapere